Castel Volturno. Il Tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha con formula piena (“perche’ il fatto non sussiste”) l’ex di Lorenzo Marcello dall’accusa di concussione.

I fatti risalgono agli anni 2006 e 2007, quando Marcello era il vice dell’allora sindaco Francesco Nuzzo e fu denunciato dai fratelli Francesco Paolo, Tammaro e Pasquale Diana, imprenditori ritenuti dalla Dda vicino al clan dei Casalesi, secondo cui Marcello avrebbe fatto loro richieste concussive per 300.000 euro, di cui 107.500 pagati, con riferimento alle autorizzazioni necessarie per l’ampliamento di un albergo e per la realizzazione del centro commerciale Gioli’ di Castel Volturno.

LEGGI ANCHE  Incendio distrugge bus di linea a Piano di Sorrento
ADS

Nel processo solo Francesco Paolo Diana si e’ costituito parte civile, mentre il fratello Tammaro e’ diventato nel frattempo un collaboratore di giustizia. Durante il dibattimento i legali dell’ex vicesindaco, ovvero Claudio Sgambato e Giuseppe Stellato, hanno dimostrato l’insussistenza delle accuse; anche il pubblico ministero di Santa Maria Capua Vetere Giacomo Urbano ha condiviso l’impostazione chiedendo l’assoluzione, cosi’ il collegio della seconda sezione penale presieduto da Antonio Riccio ha disposto la piena assoluzione.



Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

Avellino, parte il processo ai fidanzati assassini

Notizia precedente

Trapianto di cornea all’ospedale di Pozzuoli restituisce la vista a una donna peruviana

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..