Maurizio de Giovanni è on line

È on line il sito web ufficiale di Maurizio de Giovanni, lo scrittore napoletano che con i suoi romanzi e serie di successo ha conquistato il teatro, il grande e piccolo schermo.

Maurizio de Giovanni
Maurizio de Giovanni/foto di anna camerlingo

Il e le sue “avventure” lo hanno “consacrato” come uno dei principali autori e scrittori della letteratura italiana. Un altro suo lavoro editoriale, “I Bastardi di Pizzofalcone”, è diventato una serie Tv per Rai 1. È partenopeo, visceralmente tifoso del e autore anche di opere teatrali: è , scrittore, sceneggiatore, drammaturgo e autore perlopiù di romanzi gialli, che da oggi approda anche sul web.

È, infatti, on line il sito web ufficiale dello scrittore napoletano che con i suoi romanzi e serie di successo ha conquistato anche il teatro, nonché il grande e il piccolo schermo. Raggiungibile all’indirizzo www.mauriziodegiovanni.it, sul sito web di de Giovanni è possibile consultare tutte le sue opere letterarie, cinematografiche e teatrali, nonché visualizzare tutti gli eventi in programma, le novità in arrivo e la biografia dettagliata dell’autore.

La realizzazione di questo nuovo “punto di riferimento” digitale per tutti i fan e appassionati nasce dalla sinergia con MTN Company, agenzia di comunicazione integrata con sede a Cava de’ Tirreni (Sa), che da anni coltiva amicizia e stima con l’autore partenopeo.

Ho pensato a questo sito web come punto di ritrovo ideale per chi ha amato le avventure di Ricciardi, dei Bastardi, di Mina Settembre e degli altri personaggi”, dichiara Maurizio de Giovanni. “Ora il fandom ha un nuovo riferimento sul web, dove potrà essere costantemente aggiornato e ritrovare, in qualsiasi momento, l’intero archivio delle produzioni con tutte le informazioni sulle iniziative culturali e su opere vecchie e nuove“.

LEGGI ANCHE  'Ritmi di sole, di mare, di viaggio, di Sud'

All’interno del sito web, www.mauriziodegiovanni.it, gestito dal fanclub dell’autore, è possibile consultare le sezioni “Biografia”, “Libri”, “News”, nonché “Cinema, Tv e Teatro” in cui le opere sono suddivise in sottocategorie.