Villa Literno, ai domiciliari scappa per spacciare cocaina: arrestato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Era sotto regime di arresti domiciliari per reati legati allo spaccio di sostanze stupefacenti e aveva il permesso di recarsi al lavoro presso un’azienda agricola locale dal lunedì al sabato, dalle 07:30 alle 16:30, previa notifica giornaliera ai Carabinieri.

Come di consueto, anche ieri mattina il 46enne di Villa Literno, in provincia di Caserta, ha avvisato la stazione dei Carabinieri del suo spostamento.

Durante i controlli di routine su individui soggetti a misure alternative alla detenzione, la centrale operativa della Compagnia di Casal di Principe ha inviato una pattuglia alla fattoria indicata dall’uomo per verificare la sua presenza regolare.

    Tuttavia, l’uomo non si è mai presentato sul luogo di lavoro. Alle 10:30 circa, i militari lo hanno sorpreso in centro a Villa Literno, mentre si incontrava con un individuo che gli stava consegnando del denaro.

    I due, accortisi della presenza dei Carabinieri, hanno cercato di fuggire in direzioni opposte, ma sono stati immediatamente bloccati.

    Durante la perquisizione personale e del veicolo del 46enne, estesa successivamente anche presso la sua abitazione, dove si trovava sotto arresti domiciliari, sono state trovate cocaina, materiale per il confezionamento della droga, un bilancino di precisione, 675 euro in contanti, divisi in banconote di vario taglio, due smartphone e un proiettile calibro 9 mm.

    La cocaina, sufficiente per almeno 10 dosi, è stata sequestrata insieme al materiale per il confezionamento.

    L’uomo è stato portato presso la Stazione dei Carabinieri di Villa Literno e successivamente trasferito nel carcere di Santa Maria Capua Vetere. Dovrà rispondere di spaccio di sostanze stupefacenti e detenzione illegale di armi.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Riciclaggio a Firenze, l’avvocato: “Pino Taglialatela estraneo”

    Giuseppe Taglialatela, ex portiere del Napoli, noto come "Batman"...
    DALLA HOME

    Riciclaggio a Firenze, l’avvocato: “Pino Taglialatela estraneo”

    Giuseppe Taglialatela, ex portiere del Napoli, noto come "Batman" e Alessandro Bigi, presidente dell'Ischia Calcio, sono tra gli indagati per un'inchiesta della Procura antimafia di Firenze su un presunto giro di riciclaggio di denaro. Secondo gli inquirenti, Bigi e Kamami, un albanese di 40 anni, sarebbero i capi di un'organizzazione...

    ULTIME NOTIZIE

    TI POTREBBE INTERESSARE