Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Caserta e Provincia

Aggredì il socio in affari, condannato un uomo di San Cipriano di Aversa

Pubblicato

in

tribunale santa maria capa venere


Distrusse con un’ascia l’auto del socio in affari e ferì la vittima alla testa e ad una caviglia: condannato ad un anno e 4 mesi I. G., 67 anni di San Gipriano. L’uomo è stato condannato a pagare anche una provvisionale di mille euro per le parti civili rappresentate dall’avvocato Raffaele Costanzo. La sentenza è stata emessa dal giudice Luigi Ferraiuolo del di Santa Maria Capua Vetere. L’imputato era accusato di aver colpito a colpi di ascia l’automobile sulla quale viaggiavano due uomini e di aver anche ferito D. M. ad una mano, oltre a provocargli un trauma cranico e la lacerazione del tendine d’achille. L’aggressione (avvenuta nel maggio 2011), stando a quanto è stato ricostruito nel corso del dibattimento, nacque a seguito di dissapori per un investimento societario a Sant’Arpino che spinse l’uomo ad aggredire fisicamente due persone ed a provocare seri danni alla vettura sulla quale viaggiavano.

Continua a leggere
Pubblicità

Caserta e Provincia

Assalto armato al portavalori ad Aversa: rapinatori scappano con soldi ed armi

Pubblicato

in

Il furgone bloccato in via Santa Lucia. Indaga la polizia di Aversa

Una banda di rapinatori è entrata in azione, bloccando il furgone e puntando contro le guardie giurate dei mitra: immobilizzati i vigilantes, hanno preso i soldi che erano all’interno del furgone ed hanno disarmato anche i due che erano all’interno del furgone, prima di scappare.

E’ stato poi dato l’allarme e sul luogo della rapina sono giunti gli uomini del commissariato di Aversa diretto da Vincenzo Gallozzi a cui sono affidate le indagini. Secondo le primissime informazioni, un gruppo di tre banditi, giunto a bordo di un’autovettura spuntata da via Dell’Olmo, mitra in pugno, hanno bloccato l’automezzo con le guardie giurate, sottraendo loro le armi in dotazione e un plico contenente dei contanti appena prelevati al distributore di carburanti “Fabozzi” al vicino confine con Trentola Ducenta. Poi si sono dati alla fuga.

Continua a leggere



Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette