Scoperta centrale del falso trading online

E’ stata scoperta centrale del falso trading online: era a Sant’Arpino in provincia di Caserta. 11 le persone denunciate

Scoperta centrale del falso trading online: 11 denunciati

E’ stata scoperta centrale del falso trading online: era a Sant’Arpino in provincia di Caserta. Sequestrati oltre 1000 telefoni e decine di pc e fotocopie di documenti. Sono 11 le persone denunciate per sostituzione di persona e riciclaggio dai Carabinieri della stazione di Grumo Nevano e dal Nucleo Ispettorato del Lavoro di Napoli: tutti giovani tra i 17 e i 40 anni.

Scoperta centrale del falso trading online

Scoperta centrale del falso trading online:

Durante un controllo alla circolazione stradale, uno di questi, un 18enne di Grumo Nevano, è stato sorpreso a trasportare un borsone al cui interno erano stipati 16 cellulari e un pc. Non ha saputo spiegarne l’origine e ha insospettito i militari che hanno avviato immediatamente le indagini.

Incrociando accertamenti sul territorio con la conoscenza approfondita dell’area, i carabinieri hanno individuato come punto di partenza del giovane un appartamento nel comune confinante di Sant’Arpino, nel casertano.

Quando hanno fatto irruzione hanno beccato altre 9 persone impegnate a lavorare in un quello che è subito parso come un piccolo call center.
In quella sorta di ufficio sono stati rinvenuti altri 994 telefoni cellulari di vecchia generazione, 11 pc desktop, 2 portatili, decine di sim card e numerose fotocopie di carte di identità di terze persone.

Scoperta centrale del falso trading online

Scoperta centrale del falso trading online:

Secondo quanto accertato dai militari, all’interno dell’abitazione erano compiute operazioni di trading online in danno di terze persone verosimilmente ignare.

LEGGI ANCHE  Assolto perché il fatto non sussiste, l'avvocato Salvatore Pollastro in relazione alla vicenda Gosaf

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHEReddito di cittadinanza al clan Contini: 25 famiglie indagate

L’undicesimo a finire nei guai è stato un 32enne di Frattamaggiore, riconosciuto come il titolare dei locali e dell’attività. Ai reati di sostituzione di persona e riciclaggio sono stati così aggiunti anche quelli che puniscono il lavoro sommerso. Per i 9 impiegati “in nero” e per le violazioni sulla sicurezza dei luoghi di lavoro, gli sono state applicate sanzioni che vanno oltre i 100mila euro. Il locale è stato sequestrato ma continuano le indagini per risalire alle eventuali vittime di truffe o sostituzioni di persona.


Di La Redazione

Ti potrebbe interessare..

Altro Cronaca