Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Napoli e Provincia

Saluta i carabinieri e poi fugge ad un posto di blocco: aveva oltre 1 chilo di marijuana in auto

PUBBLICITA

Pubblicato

il

saluta i carabinieri


PUBBLICITA

Torre Annunziata, saluta i carabinieri e poi fugge ad un posto di controllo. 48enne arrestato dopo schianto in auto. aveva oltre 1 chilo di marijuana.

 

I carabinieri della sezione radiomobile di Torre Annunziata hanno arrestato per detenzione di a fini di spaccio e resistenza a pubblico ufficiale , 48enne del posto già noto alle forze dell’ordine.

I militari gli hanno intimato l’alt durante un posto di controllo in Via Cuparella. Caglia Ferro ha finto di rallentare, ha salutato i carabinieri e poi è fuggito a tutta velocità imboccando contromano Via Vittorio Emanuele III.

Tallonato dai Carabinieri, che non l’hanno mai perso di vista, il 48enne ha svoltato in Via Bertone, poi in Via Castello e ancora contromano in Via Giovanni XXIII. Tornato su Via Vittorio Emanuele III, si è schiantato poco dopo aver preso Via Sambuco.
I militari lo hanno così bloccato: in auto 1 chilo e 100 grammi di marijuana, avvolti in due buste di cellophane termosaldate.In manette, Caglia Ferro è stato rinchiuso nel carcere di Poggioreale in attesa di giudizio.

Continua a leggere
Pubblicità

Ercolano

Rubati 22 pc nell’Istituto Giampaglia di Ercolano

Pubblicato

il

rubati 22 pc

Furto nell’istituto comprensivo ‘F. Giampaglia’ ad Ercolano. La scorsa notte sconosciuti si sono introdotti nella sede forzando una porta a vetro e, una volta all’interno, hanno portato via ventidue pc appena inventariati che sarebbero dovuti essere utilizzati dagli alunni.

Ad accorgersi dell’accaduto, questa mattina, il personale non docente e la dirigente scolastica all’orario di apertura della scuola. Sul posto sono giunti i Carabinieri della tenenza locale guidati da Mauro Marinucci e quelli del Nucleo Investigativo di Torre Annunziata per i rilievi. ”Un gravissimo danno per i bambini di Ercolano” commenta la dirigente scolastica Giovanna Tavani ”Erano ventidue pc pronti per essere dati in uso agli alunni se fosse continuata la didattica a distanza. In alternativa, sarebbero serviti a rimpinguare le lezioni nelle classi qualora si fosse deciso di ritornare a fare lezioni in presenza. Tutti i vecchi pc che avevamo a scuola, li abbiamo dati in comodato d’uso agli alunni per consentire loro di seguire le lezioni da casa. Mi auguro che chi ha compiuto questo grave gesto ai danni dei bambini della citta’, si penta e che come li ha portati via, li faccia recapitare a scuola in un pacco in forma anonima. I beni delle scuole come appunto i pc sono beni dei ragazzi del nostro territorio non di una entita’ astratta e, soprattutto in questo momento in cui la dad sta continuando, costituiscono un mezzo utile per raggiungere anche quei bambini che a causa del covid hanno piu’ difficolta’. Ringrazio i Carabinieri e in particolare il tenente di Ercolano, Mauro Marinucci, che questa mattina si e’ intrattenuto a lungo a scuola per comprendere quanto accaduto”.

Appresa la notizia del furto, anche il sindaco del Comune di Ercolano, Ciro Buonajuto ha rilasciato una dichiarazione: ”Un atto ignobile e inqualificabile che danneggia i bambini di Ercolano. La scorsa notte ignoti si sono introdotti nella sede dell’I.C. Ercolano 2 – Giampaglia portando via ben ventidue computer portatili. La scoperta e’ stata fatta dalla dirigente Giovanna Tavani e dai suoi collaboratori che hanno prontamente denunciato l’accaduto alla locale tenenza dei Carabinieri. I computer sarebbero serviti alle venti classi elementari e alle due di scuola media per garantire la didattica digitale integrata. Mi auguro che gli autori di questo vile atto vengano individuati al piu’ presto”.

Continua a leggere

Cronaca Giudiziaria

Napoli, 82enne morta disidratata: condannato anche il figlio 

Pubblicato

il

napoli

Da quella residenza per anziani del Napoletano dove avrebbe dovuto essere amorevolmente accudita ne usci’ al tal punto disidratata da morire, qualche giorno dopo in un ospedale a Napoli.

Un triste episodio sul quale per quattro anni ha indagato la Procura di Napoli e che oggi ha trovato l’epilogo con una condanna, esemplare, anche per il figlio dell’anziana donna, morta nel giugno del 2016. Insieme con il figlio-tutore dell’82enne, che affetta dal morbo di Alzheimer, sono stati condannati a 3 anni e 4 mesi di reclusione anche il legale rappresentante della Rsa, e l’unica operatrice sanitaria presente nella struttura.

La sentenza e’ stata emessa nei giorni scorsi dalla Corte di Assise di Napoli. A tutti il sostituto procuratore Mario Canale, in forza alla sezione “Lavoro e colpe Professionali” coordinata dal procuratore aggiunto Simona Di Monte, ha contestato l’abbandono di persona incapace seguito dalla morte.

Continua a leggere

Le Notizie più lette