L’ex ministro risponde alle accuse lanciate dal presidente di in un’intervista al Mattino 

non sa quello che dice. La convenzione che stabilisce il pagamento del pedaggio della è un contratto e il ministero non può revocarlo unilateralmente ma solo col consenso di ambedue le parti. Ed una di queste parti è proprio quella società Aspi che tutti conosciamo, quella che doveva mantenere in sicurezza il ponte Morandi di Genova, e che non avrebbe mai neppure pensato di cancellare il pedaggio. Quindi dovrebbe essere proprio Cirino a spiegare perché non ha mai voluto cancellare il pedaggio. Forse è perché avrebbe cancellato anche la sua poltrona di presidente nella società concessionaria?”. Lo dichiara il senatore del Movimento 5 Stelle ed ex ministro per le Infrastrutture e i Trasporti Danilo Toninelli, rispondendo alle dichiarazioni rilasciate al Mattino dal presidente della Tangenziale di Napoli Spa Paolo Cirino Pomicino.

LEGGI ANCHE  Cure palliative e del dolore, vergogna al Cardarelli. Montrone: "Reparto disumano"

“Per questo motivo abbiamo lavorato per far tornare in mano allo Stato le autostrade gestite da Aspi. Solo così si potrà togliere l’odioso obolo a danno dei napoletani. In generale comunque penso che ce l’abbia contro il Movimento 5 Stelle perché gli abbia tagliato una fetta importante del suo sontuoso vitalizio”.

ADS

 



Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

    Allarme rosso per i roghi in Campania. Esplosioni ad Arzano dove le fiamme hanno attaccato una fabbrica

    Notizia precedente

    Coronavirus: 4 positivi a Marcianise, chiuso un forno e l’ufficio postale

    Notizia Successiva

    Ti potrebbe interessare..