Seguici sui Social

Dalla Rete

Mirian Leone quella foto al mare che incanta

Pubblicato

il

miriam leone foto al mare

Miriam Leone scatta una foto al mare e i fan in vanno in delirio.

L’ultima foto postata su Instagram dall’attrice ed ex modella Miriam Leone è stata apprezzata decisamente da tutti e che ha scatenato soprattuto le fantasie di tutti i suoi fan, di ogni genere grazie a quel dettagglio “HOT” che ha incantato. Per la gioia incontenibile di migliaia di follower.

Infatti il costume rosa completamente bagnato ha messo in evidenza il famoso dettaglio hot che ha messo in risalto ancor di più il suo bellissimo fisico.

Oltre 145.800 i like ottenuti dalla Leone. Questi invece i messaggi più rappresentativi degli utenti: “M is for meravigliosa”, “M is for mamma mia”, “Vabbè, chiudete tutto!”, “Io ti amo”, “Quanto sei bella!”, “La meraviglia sei tu”, “Assolutamente divina”, “Brava e bella”. Altri ancora hanno voluto aggiungere: “Stupenda, sei veramente un amore”, “Regalami i tuoi splendidi capelli”, “Vorrei avere la metà della tua bellezza”, “M come meraviglia della natura”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da miriam leone (@mirimeo) in data:

Continua a leggere
Pubblicità

Dalla Rete

INCREDIBILE Guardia carceraria si fa un buco nei pantaloni e fa sesso con un detenuto

Pubblicato

il

guardia carceraria

Notizia che ha dell’incredibile : una guardia carceraria fa un buco nei pantaloni e fa sesso con un detenuto

La guarda carceraria Tina Gonzalez, 26 anni, lavorava nella prigione della contea di Fresno, in California, quando è avvenuta la vicenda.
La donna aveva anche fornito droga e oggetti proibiti ai detenuti come alcool,cellulare e altre cose al suo “amante” che però risultava essere un detenuto.

Tina Gonzalez ha iniziato a lavorare come funzionario correzionale dello sceriffo della contea di Fresno nel settembre del 2016. Si è dimessa dal suo lavoro alla fine di dicembre 2019.

All’inizio di dicembre del 2019, i membri dello staff della prigione della contea di Fresno hanno ricevuto una soffiata secondo cui un detenuto maschio era in possesso di un telefono cellulare ed era anche coinvolto in una relazione sessuale con un agente correzionale di nome Tina Gonzalez. Il personale della prigione ha perquisito la cella di questo detenuto e ha trovato un telefono cellulare.

Le accuse sono state trasmesse ai membri dello staff esecutivo dello sceriffo. L’Unità Affari Interni è stata incaricata di indagare sull’impiegato accusato, Gonzalez. L’Unità Vice è stata incaricata di indagare sui potenziali crimini commessi da Gonzalez. Entrambe le unità hanno trovato prove a sostegno delle accuse. Inoltre, gli investigatori hanno scoperto che Gonzalez in un’occasione aveva portato dell’alcol in prigione.

Poco dopo che Gonzalez ha partecipato a un’intervista con gli investigatori, ha presentato le sue dimissioni all’ufficio dello sceriffo.

L’ufficio del procuratore distrettuale della contea di Fresno ha formalmente presentato accuse penali contro Tina Gonzalez.

Addirittura il suo ex capo ,l’assistente dello sceriffo Steve McComas definisce le azioni della Gonzalez “in cima alla lista” delle cose disgutose che ha visto in anni di lavoro.

LEGGI ANCHE  Crollo e morti a Torre Annunziata, il pm chiede fino a 14 anni per i principali imputati

La donna è stata arrestata a maggio dello scorso anno perchè scoperta dai suoi  superiori ; le era stata fissata anche una cauzione di 21.000$.

Addirittura aveva fatto un buco nei pantaloni per fare sesso con un detenuto di fronte ad altri 11 prigionieri , secondo quanto riportato dall’agenzia The Frenso Bee.

Guardia carceraria

7 mesi di carcere

Tina Gonzalez si è dichiarata colpevole di attività sessuale da parte di un dipendente della struttura di detenzione con un detenuto consenziente, oltre al possesso di droghe e/o alcol e un telefono cellulare fornito a un detenuto ad aprile.
Al momento dei fatti era “vulnerabile e fragile” , come affermato dal suo avvocato, poichè da poco il suo matrimonio era finito e dunque le reazioni della donna hanno portato a questa vicenda.
La condanna è stata di  sette mesi di carcere al termine dei quali dovrà trascorrere due anni in libertà vigilata.

TI POTREBBE INTERESSARE Violenze in carcere, 30 detenuti trasferiti e striscioni contro gli agenti

Ciò nonostante anche il giudice Michael Idiart che ha avuto la possibiltà di parlare direttamente con la donna ha detto : “Penso che quello che hai fatto sia stato terribile, stupido e ha rovinato la tua carriera. Ma credo anche che le persone possano riscattarsi e tu hai il resto della tua vita per farlo. In bocca al lupo“.

FONTE

FONTE

Continua a leggere

Dalla Rete

Google Maps Vela Gialla di Scampia segnalata come piazza di spaccio

Pubblicato

il

vela gialla

A riportare la notizia incredibile è Il Mattino : la vela gialla viene segnalata come piazza di spaccio su Google Maps

Google Maps Vela Gialla di  Scampia segnata come piazza di spaccio.
“Bisogna Intervenire immediatamente” queste le parole del consigliere regionale della Campania Francesco Emilio Borrelli che ha raccolto la segnalazione di alcuni cittadini che si sono accorti della cosa.google maps

“Quando abbiamo ricevuto la segnalazione non potevamo credere ai nostri occhi, abbiamo pensato si trattasse di uno scherzo o di un tranello”.

Ma non era uno scherzo, fino a qualche ora fa bastava cercare su Google Maps con la parola “piazza di spaccio” sull’app e e la Vela Gialla di Scampia veniva geolocalizzata appunto con la scritta “Piazza di Spaccio”, con tanto di icona che viene catalogata come esercizio commerciale, al pari di un negozio di abbigliamento o alimentare.

LEGGI ANCHE  Napoli: il pm Maresca ufficializza la sua candidatura a sindaco

google maps

E’ incredibile che un azienda come Google non abbia qualche sistema per prevenire queste situazioni che già sono capitate in passato : infatti qualche tempo fa su Google Maps veniva associata la frase “lavali col fuoco” con il Vesuvio

 

 

TI POTREBBE INTERESSARE Google Maps si aggiorna ora mostra sulla mappa anche i casi di Coronavirus

 

Continua a leggere
longobardi logo