Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Serie A

Pippo Inzaghi: ‘Milan ok con Ibra, Simone un esempio. Mio futuro a Benevento’

Pubblicato

in



“Che effetto fa vedere il Milan così in basso? Brutto, ma purtroppo non è una novità. Io però conosco Maldini e mi fido di lui: sono sicuro che Paolo e Boban tireranno fuori la società da questa situazione”. Chi meglio di Filippo Inzaghi, bandiera ed ex allenatore del Milan, può analizzare la difficile situazione del club rossonero. Lo ha fatto nel corso di una lunga intervista al Corriere della Sera, in cui ha parlato oltre che di Milan anche della Lazio del fratello Simone e della sua avventura a Benevento. Inzaghi è stato uno dei 9 allenatori che il Milan ha avuto nelle ultime 7 stagioni. “Il campo ha dimostrato che gli allenatori sono stati il male minore: ne sono passati tanti e non è cambiato nulla”, ha detto. Sull’arrivo di Ibrahimovic, SuperPippo ha dichiarato: “Hanno fatto benissimo, serviva uno così. Ho giocato con lui, lo stimo tanto: non ha bisogno di soldi o di gloria, se è tornato significa che ritiene di poter lasciare un segno. E mi sembra che le prime partite lo abbiano dimostrato. Anche al debutto si è notato quanto possa pesare”. Alla domanda su chi è oggi l’attaccante che le piace di più, Inzaghi ha replicato: “Sono contento che Cutrone sia tornato: l’ho fatto esordire nella Primavera del Milan sotto età e sono sicuro che a Firenze segnerà tanto. Il numero uno però è Immobile”. E a proposito di Lazio, parole di grande ammirazione per il lavoro del fratello. “Simone non è un modello per me, ma per tantissimi allenatori. È uno dei migliori in Europa – ha detto Pippo – chi ha ottenuto risultati come i suoi? Gestisce gli uomini e sa lavorare sul campo: è un vero tecnico moderno. Il confronto è continuo. Ci sentiamo ogni giorno e parliamo solo di pallone, oltre che dei miei nipoti”. Una Lazio in lotta addirittura per lo Scudetto. “Raggiungerebbe un traguardo straordinario già qualificandosi per la Champions. La Juve – ha sottolineato Pippo Inzaghi – ha una panchina di qualità pazzesca e alla lunga penso che possa fare la differenza. E anche l’Inter è superiore. Sognare, comunque, non costa nulla”.

Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

Tutti negativi al primo tampone i calciatori del Genoa

Pubblicato

in

Primo giro di tamponi per il Genoa dopo la positività del portiere Mattia Perin.

 

I test ai componenti del gruppo squadra rossoblù sono risultati tutti negativi. Nelle prossime ore verrà effettuato un altro giro di tamponi con i risultati che arriveranno domattina. In caso di conferma delle negatività la squadra volerà alla volta di Napoli dove alle 18 sfiderà gli azzurri in un match valido per la seconda giornata di Serie A. La gara si disputerà allo stadio san Paolo di napoli davanti a mille spettatori invitati dalla società azzurra.

Continua a leggere



Benevento e Provincia

Serie A: Il Benevento ricomincia con un’impresa

Pubblicato

in

Serie A: Il Benevento ricomincia con un’impresa

Gol, divertimento e soprattutto tante emozioni nel match vinto dal neopromosso Benevento in rimonta per 3-2 sulla Sampdoria. I sanniti, inizialmente sotto per 2-0, conquistano al “Ferraris” i primi tre punti in classifica, dall’altra parte blucerchiati vengono nuovamente sconfitti dopo il ko per 3-0 contro la Juventus. Ranieri si affida subito al nuovo acquisto Antonio Candreva, titolare sulla destra, in avanti spazio a Quagliarella in coppia con Bonazzoli. Filippo Inzaghi, al debutto ufficiale in stagione dopo il rinvio della prima giornata contro l’Inter, opta invece per il tridente composto da Insigne, Moncini e Caprari. All’8′ immediato il vantaggio della Sampdoria che approfitta di un brutto errore di Montipo’: Bonazzoli controlla il disimpegno sbagliato del portiere giallorosso e serve Quagliarella che da pochi passi mette in rete. Gara piacevole e ritmi abbastanza alti, con i blucerchiati che raddoppiano al minuto 18: cross perfetto dalla destra di Candreva, che pesca in area Colley, rimasto avanti dopo un corner. Il difensore gambiano tutto solo impatta di testa e firma il 2-0.

Da li’ il Benevento prova a reagire: prima con un tentativo di testa di Moncini respinto da Audero con un intervento miracoloso, poi con il gol che riapre il match al 33′ di Caldirola, abile a infilare l’estremo difensore doriano dopo un batti e ribatti in area di rigore. Nella ripresa pronti via ed i campani sfiorano il pari con un diagonale di Insigne. La formazione di Inzaghi continua a spingere e al 73′ riacciuffa il pari con un perfetto colpo di testa da calcio d’angolo ancora di Caldirola, che sigla una strepitosa doppietta all’esordio in Serie A. La Sampdoria non ci sta e all’84’ crea una ghiotta occasione con Gabbiadini che di testa centra il palo. A due minuti dal termine, pero’, e’ il Benevento a completare la rimonta compiendo il sorpasso con una perfetta staffilata rasoterra di Letizia. Festeggiano i sanniti, i doriani si rammaricano per il doppio vantaggio gettato al vento.

 

Continua a leggere



Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette