Dall’antichità alle piattaforme online: curiosità sul mondo dei Casinò

Lo sapevate che i giochi da casinò hanno origini antichissime, riscontrabili addirittura fra il 5000 ed il 3000 a.C.? È proprio così invece visto che sono stati scoperti nel tempo tanti reperti archeologici, come dadi, carte, tessere, risalenti proprio a quel periodo, sia in Cina che in Egitto.

Giocare è stato dunque sempre nell’anima dell’essere umano, sin dalla più profonda antichità e si è ovviamente modernizzato strada facendo, fino alla possibilità offerte dall’era moderna che ci permette di divertirci anche grazie all’online ca13sino, addirittura, come succede sempre più spesso, utilizzando lo strumento più usato del momento, lo smartphone!

Il primo casinò della storia risale invece ad un’epoca decisamente più moderna rispetto ai riscontri precedentemente raccontati e deve i suoi natali a Venezia, grazie all’apertura effettuata presso il Ridotto di San Moisé nel 1638. Il nome casinò vero e proprio è determinato invece nell’anno 1744 ed anche in questo caso ha un’origine tutta italiana, derivando da Giacomo Casanova, celebre soprattutto per essere un inguaribile sciupafemmine, ma che aveva anche un’altra grande passione: il gioco d’azzardo.

Nel tempo i casinò tradizionali hanno incrementato sempre più l’offerta ai giocatori, proponendo sempre nuovi giochi e tra i più conosciuti c’è sicuramente la roulette per la quale si riscontrano gli albori all’inizio del 18° secolo in Francia, una derivazione dei vecchi giochi hoca e portique; la prima volta che fu menzionata con la sua attuale denominazione è individuata a Bordeaux, nel 1716. La roulette peraltro è conosciuta anche come Gioco del Diavolo, in primis per la ruota che contiene i numeri che richiama il circolo dell’Uroboro, una figura mitologica pagana raffigurante un serpente o un drago che si mangia la coda, e poi anche perché il totale della somma dei numeri presenti è uguale a 666, appunto il numero che nella cabala rappresenta il Diavolo.

Successivamente alla roulette arrivò la slot machine, altro gioco popolarissimo fra gli amanti del gioco d’azzardo. La sua invenzione è frutto dell’ingegno del meccanico tedesco Charles Fey, che prima di andare negli Stati Uniti fece qualche breve passaggio prima in Francia e poi in Inghilterra. Ma è in California che il bavarese, lavorando per la Electric Work Company, ha l’intuizione per la prima slot machine della storia, con 3 rulli sui quali c’erano 5 immagini disposte in fila orizzontale: era il 1895.

Una nozione storica da conoscere è che nell’attuale patria del gioco d’azzardo, ovvero Las Vegas, il primo casinò fu creato appena nel 1946 grazie al Flamingo Hotel, magari poco conosciuto ai più ma rappresenta ancora un luogo mitologico.

Negli ultimi anni l’evoluzione è stata inarrestabile grazie all’arrivo della possibilità di cimentarsi nei casinò online. Il primo appena negli ’90 cui ne sono susseguiti poi tantissimi, ma il primo Stato che ha dato l’ok a questa nuova tipologia di gioco d’azzardo è Antigua e Barbuda, nelle Isole Canarie. Ma i casinò tradizionali ovviamente resistono perché comunque il fascino di giocare dal vivo è rimasto e ce ne sono tanti sparsi per il mondo; tra questi c’è il più grande, il Venetian di Macao, 55000 metri quadrati di casinò che contengono anche una perfetta riproduzione in scala della città di Venezia, ma è curioso soprattutto il più piccolo, ovvero un taxi inglese che al suo interno, incredibile ma vero, ha tutto ciò di cui si ha bisogno per puntare: slot, tavolo da poker, ma anche bar, tv satellitare ed altro ancora!

LEGGI ANCHE

Forte scossa di terremoto ai Campi Flegrei: avvertita dalla popolazione

Una forte scossa di terremoto si è registrata alle 10 di oggi, domenica 3 marzo nella zona dei Campi Flegrei. La scossa è stata...

Dramma a Vico Equense: incidente sulla statale 163, morto 19enne

Tragedia sulla statale 163 in provincia di Napoli: giovane di 19 anni perde la vita. Ancora segni di sangue sull'asfalto nel corso del weekend....

Prima il boato e poi la scossa di magnitudo 3.4: gente in strada a Pozzuoli e Napoli

Prima un forte boato e  poi la scossa, forte da far tremare vetri di finestre e balconi  e lampadari nelle case. Molti si sono riversati...

IN PRIMO PIANO

LE ALTRE NOTIZIE