#Appaltifacili e soldi per lavori mai effettuati all’#Asl di Napoli 3 sud: scatta la #confisca dei beni e conti correnti per sette milioni di euro




e soldi per lavori mai effettuati all’Asl di Napoli 3 sud: scatta la e conti correnti per sette milioni di euro

e soldi per lavori mai effettuati alla Asl 3 di Napoli da aziende vicine al clan dei Casalesi, scatta la già sequestrati. Prosegue così la vicenda che vede al centro delle indagini della Dda di Firenze un’associazione a delinquere che trova la sua base a Lucca.

I finanzieri del comando provinciale della Guardia di Finanza di Lucca, con il supporto delle fiamme gialle di Caserta e L’Aquila, hanno dato esecuzione a un provvedimento di confisca emesso dal tribunale di Firenze – Ufficio misure di prevenzione – che ha per oggetto beni per un valore complessivo di circa 7 milioni di euro, costituito da 26 conti correnti, due auto, otto società, 18 locali ad uso commerciale, 32 abitazioni, 7 autorimesse e 4 terreni.

L’attività trae origine dall’operazione condotta dal Nucleo di polizia economico-finanziaria di Lucca che, sotto il coordinamento della Direzione distrettuale antimafia di Firenze, ha consentito di velare – attraverso intercettazioni telefoniche, ambientali, accertamenti bancari, pedinamenti e appostamenti – un’organizzazione a delinquere, operativa sin dal 2013, con base a Lucca e contigua al clan camorristico dei Casalesi, dedita all’illecita aggiudicazione di appalti, alle frodi nelle pubbliche forniture e al riciclaggio dei relativi proventi illeciti in aziende toscane e campane.

In particolare, è stato accertato che il gruppo criminale ruotava attorno ad imprenditori edili residenti in provincia di Lucca e Caserta i quali, utilizzando prestanome e società compiacenti, molte delle quali “apri e chiudi”, si aggiudicavano decine di appalti della Asl 3 (Napoli Sud) per milioni di euro, in relazione a commesse per lavori edili, banditi per importi inferiori ai valori soglia oltre i quali sarebbe stato necessario ricorrere alle procedure ordinarie di affidamento. I proventi illeciti venivano poi, per buona parte, riciclati in una società immobiliare, con sede a Lucca, considerata la “cassaforte” del sodalizio, attraverso operazioni di acquisto, ristrutturazione o costruzione di edifici da parte di società del “gruppo”.

Il sodalizio aveva stabilito consolidati rapporti di corruzione con un dirigente della Asl, che non solo aveva aggiudicato gli appalti in violazione delle norme di trasparenza, correttezza e imparzialità, ma aveva anche consentito al sodalizio di incassare i pagamenti pur senza l’esecuzione dei lavori.

Pertanto, nel marzo del 2018 veniva emesso dall’autorità giudiziaria di Firenze un provvedimento di misure cautelari, che portava all’arresto di 5 persone, tra la Toscana e la Campania, al sequestro dei primi beni e alla a piede libero di ulteriori responsabili ritenuti appartenenti o fiancheggiatori dell’associazione a delinquere.

LEGGI ANCHE  Campania, somministrate 1,8milioni dosi di vaccini

Successivamente, sono stati delegati agli specialisti del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Lucca dalla procura di Firenze, ai sensi del codice antimafia, mirati e approfonditi accertamenti patrimoniali nei confronti dei principali sodali, in quanto ritenuti “indiziati” sia di reati commessi “al fine di agevolare l’attività” dell’associazione mafiosa dei Casalesi – che di trarre i propri mezzi di sostentamento da delitti a sfondo patrimoniale. Questo permetteva di ricostruire l’intero patrimonio nella disponibilità, diretta e indiretta, degli stessi e di dimostrarne la sproporzione rispetto al reddito da loro dichiarato, con riferimento al periodo temporale 2013 – 2019.

Sulla base di tali risultanze, l’autorità giudiziaria fiorentina avanzava una richiesta di applicazione delle misure preventive personali e patrimoniali all’Ufficio misure di prevenzione del tribunale di Firenze che, valutando la sussistenza dei requisiti di legge, ha emesso il provvedimento ablatorio dei beni riconducibili ai responsabili, ad esecuzione del quale, a maggio del 2020, i finanzieri hanno sottoposto a sequestro preventivo quanto ora confiscato su ordine del tribunale.

Infatti, all’esito di varie udienze che si sono susseguite, a partire da ottobre del 2020, nel corso delle quali sono state attentamente valutate anche le argomentazioni difensive avanzate dai soggetti proposti, il tribunale di Firenze – Ufficio misure di prevenzione – ha disposto, con decreto motivato, la confisca di tutti i beni precedentemente sottoposti a sequestro, per la maggior parte localizzati nella provincia di Caserta, per la restante a Lucca e, più precisamente, 2 appartamenti, 5 autorimesse e un terreno, e un appartamento a L’Aquila.

Il procedimento penale, da cui sono scaturite tutte le imputazioni contestate alle persone fisiche e giuridiche indagate, dopo il rinvio a giudizio disposto dal Gip del tribunale di Firenze, su richiesta del pubblico ministero che ha diretto le intere investigazioni, è giunto alla fase dibattimentale.

L’attività testimonia il costante impegno dell’ufficio misure di prevenzione della procura e della Dda di Firenze, nonché della Guardia di finanza, volto a rafforzare l’azione di aggressione dei patrimoni illeciti nei confronti delle organizzazioni criminali e di chi è abitualmente dedito a vivere nell’illegalità, colpendoli nel cuore dei propri interessi economici e restituendo alla collettività i beni accumulati.


Napoli: una app per promuovere percorsi turistici

Notizia precedente

Nuovo boom di contagi a Torre Annunziata: 130 nuovi casi e positività al 18,51%

Notizia Successiva


Ti potrebbe interessare..


Commenti

I Commenti sono chiusi