la città e la camorra



L’incontro, ‘La Città e la Camorra – e la questione criminale‘, durante il quale saranno presentate le mappe investigativo – giudiziarie della presenza camorrista a Napoli, elaborate dalle Forze dell’ordine e dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli, sarà aperto dai saluti di Matteo Lorito, Rettore della Federico II, Dora Gambardella, Direttrice Dipartimento di Scienze Sociali – Federico II, Domenico Battaglia, Arcivescovo di e Gaetano Manfredi, di Napoli.

L’introduzione è affidata al Procuratore della Repubblica di Giovanni Pio Melillo. Presentano il sistema della camorra Christian Angelillo, Comandante Reparto Operativo dei Carabinieri di Napoli, Alfredo Fabbrocini, Dirigente Squadra Mobile Questura di Napoli, Domenico Napolitano, Comandante Nucleo Economico-Finanziaria GdF di Napoli, e Claudio De Salvo, Dirigente Centro Operativo DIA.

LEGGI ANCHE  Torre Annunziata, uomo del clan Gionta denunciato per abusi edilizi
ADS

Intervengono per la discussione Luciano Brancaccio, Lirmac Università Federico II, Ernesto Galli della Loggia, Scuola Normale di Pisa, Gabriella Gribaudi, Lirmac Università Federico II, Isaia Sales, Università Suor Orsola Benincasa e Marcelle Padovani, Giornalista.

Coordina e modera Stefano D’Alfonso, Direttore Laboratorio interdisciplinare di ricerca Sulle mafie e la corruzione (Lirmac) – Federico Il.



Ho lavorato per oltre 15 anni nel mondo del teatro e dello spettacolo in generale e ho avuto esperienze molto lunghe in qualità di amministratrice e coordinatrice di compagnia in spettacoli complessi, con numerosi attori e personale. Ho curato, sempre nell’ambito delle compagnie teatrali e anche nell’ambito più generale dell’organizzazione di eventi, sia i rapporti con Enti e soggetti terzi sia quelli con la stampa e il mondo dei mass media, avendo gestito più volte in piena autonomia l’ufficio stampa in occasione di spettacoli, rassegne, mostre ed eventi

‘Che me manca’ del duo Totò Poetry Culture

Notizia precedente

Natale a Ravello: Toni Servillo, Alessandro Preziosi e Lisette Oropesa

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..