la notte della taranta. in 200mila hanno ballato a melpignano fino a notte inoltrata


Duecentomila persone hanno ballato fino alle due e mezzo di notte a ritmo di pizzica e suonato i tamburelli a Melpignano, in Salento, per il Concertone de La Notte della Taranta, tra i festival di musica popolare più importanti di tutta Europa, e che ha visto la partecipazione di Elisa, il rapper Gué Pequeno, Enzo Avitabile, e l’artista africano Salif Keïta. La serata si è aperta con il preconcertone e l’omaggio a Niceta Petrachi, detta la “Simpatichina”, cantante simbolo della musica popolare salentina, scomparsa proprio ieri. La musica salentina si è mischiata con le sonorità napoletane di Avitabile, con il rap di Gué Pequeno, e con la straordinaria voce di Elisa che si è esibita in griko (la lingua della Grecìa salentina) e in salentino. Un mix di suoni e culture che ha tratteggiato l’edizione 2019 del concertone, nel segno della integrazione e dell’ambiente. “E’ una grandissima e bellissima festa del popolo – ha commentato il presidente della Fondazione La Notte della Taranta, Massimo Manera – un po’ come se il popolo stesse sul palco”. Si è ballato la pizzica fino a notte fonda, sulle note delle più importanti canzoni popolari salentine. Anche il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, ha danzato a ritmo di pizzica. Per la prima volta il Concertone de La Notte della Taranta è stato trasmesso in diretta su Rai2, con la conduzione del critico e giornalista musicale Gino Castaldo, e la partecipazione di Belen e Stefano De Martino, che sulle note finali del concertone sono saliti sul palco e hanno ballato la pizzica.


Google News

Torre Annunziata, nella notte bomba carta sul balcone di un pregiudicato al Penniniello

Notizia precedente

Napoli, in strada con musica ad alto volume: aggredisce i poliziotti all’Arenaccia

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..