Voli di Stato, la Procura della Corte dei Conti apre un’inchiesta su Salvini. Il vice premier: ‘Nessun abuso’

La procura della Corte dei Conti del Lazio guidata da Andrea Lupi ha aperto un fascicolo sui voli di Stato del ministro dell’Interno Matteo Salvini. L’indagine affidata al magistrato Bruno Domenico Tridico, fa sapere la Corte, è stata aperta ieri a seguito dell’inchiesta di Repubblica e ha l’obiettivo di verificare se il ministro dell’Interno abbia viaggiato su aerei ed elicotteri della Polizia di Stato al di fuori dei fini strettamente istituzionali. Per ora si tratta di un “fascicolo esplorativo”. In pratica la Corte verificherà se i mezzi delle forze dell’ordine sono stati utilizzati anche per fini non istituzionali come gli spostamenti per i comizi elettorali del leader della Lega. Si tratta -fa sapere la Corte dei Conti- di una procedura usuale già attivata in passato come nel caso dell’ex premier Matteo Renzi. In quel caso la procedura era partita per un esposto del Movimento 5 stelle in relazione ad un viaggio a Courmayeur con la famiglia per vacanze. Le accuse in quel caso furono archiviate.  “Nessun abuso, nessuna irregolarità, nessun volo di Stato o della Polizia per fare comizi ma sempre per impegni istituzionali. Sfido chiunque a dimostrare il contrario”. Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini. La procura del Lazio della Corte dei Conti ha aperto un fascicolo esplorativo sui voli effettuati dal vicepremier. “Sono indagato dappertutto su tutto: per sequestro di persona, per razzismo. Penso che il lavoro che sto facendo per gli italiani lo stiano apprezzando. E penso di essere uno dei ministri che costa meno, nella storia del ministero dell’Interno”. Ha risposto ancora Salvini.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati