23.8 C
Napoli
martedì, Luglio 7, 2020

Sgominato il clan Spinelli, operazione anti-droga ‘Sparta’ tra Pescara, Napoli, Reggio Calabria e Roma

DALLA HOME

Pescara. Smantellata a Pescara dai carabinieri un’organizzazione dedita allo spaccio di sostanze stupefacenti. L’operazione, denominata “Sparta”, ha portato a 14 arresti (13 in carcere e 1 ai domiciliari), di cui tre sono ancora da eseguire. Nel corso dell’attività del Nucleo investigativo del Comando Provinciale di Pescara, che ha preso il via nell’ottobre del 2015, sono stati eseguiti anche 6 arresti in flagranza di reato. In totale sono 45 gli indagati, tra cui tre minorenni. Nel corso delle indagini è stata sequestrato oltre 1,5 kg di droga (cocaina, marijuana e hashish). Il giro di affari è di circa un milione di euro, con 10 kg di droga smerciata. La centrale dell’attività di spaccio è stata individuata nei quartieri Rancitelli e San Donato e fa capo alla famiglia di origine Rom Spinelli. Tra gli arrestati i coniugi Elena, detta “Carmosina”, e Lino Spinelli, detto “Ciabbotto”, di 37 e 46 anni. I carabinieri hanno accertato decine e decine di episodi di cessione di droga. Due i canali di approvvigionamento: albanese e criminalità meridionale. Gli arresti e le perquisizioni odierne (28) hanno interessato Pescara e le province di Bari, Reggio Calabria, Roma, Napoli e Chieti.
Le indagini hanno preso il via dall’attività di monitoraggio del territorio e dagli accertamenti su persone dedite alla commissione di rapine a distributori di carburante “i cui proventi venivano impiegati per acquistare droga dalla famiglia Spinelli”. Secondo i carabinieri, uno dei due canali di approvvigionamento della droga faceva capo ad un calabrese, sfuggito all’arresto perchè latitante da diversi mesi. L’abitazione della famiglia Spinelli in via Rio Sparto e in via Lago di Capestrano era diventata una vera e propria centrale di spaccio. Gli investigatori hanno infatti rilevato un via vai continuo di clienti, appartenenti a tutte le fasce di età e ceto sociale. L’organizzazione utilizzava anche un collaudato sistema di “vedette”, che vigilava sull’eventuale arrivo delle forze dell’ordine . Da queste postazioni, inoltre, venivano filtrati e selezionati i clienti.<(p>

Pubblicità
Pubblicità

ULTIME NOTIZIE

Stalking: 39enne arrestato dai carabinieri

Stalking: 39enne arrestato dai carabinieri. I Carabinieri di Cervinara hanno tratto in arresto un 39enne di Montesarchio (BN) ritenuto responsabile del resto di “Atti persecutori”. Vittima...
vigili urbani

Salerno, dal “concorsone” 56 nuovi vigili urbani

Salerno, dal “concorsone” 56 nuovi vigili urbani. Entreranno in servizio a metà mese sopperendo così alle carenze di organico. I problemi legati alla mancanza di...
Sabina Altynbekova

La schiacciatrice kazaka Sabina Altynbekova incanta Caserta

Sabina Altynbekova incanta Caserta. La schiacciatrice kazaka ha firmato un contratto biennale. Sabina Altynbekova è una nuova giocatrice di Caserta, club che parteciperà alla prossima...