Caserta, truffe assicurative: coinvolti anche periti, avvocati e agenti

google news

Caserta. Ci sarebbero anche agenti e periti assicurativi, titolari di agenzie infortunistiche e avvocati tra i destinatari delle venti misure cautelari eseguite dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta nell’ambito di un’indagine su falsi incidenti stradali nel Casertano. L’attività investigativa è stata coordinata dalla Procura di Napoli Nord.  Sono state così individuate le modalità di attuazione delle numerosi frodi assicurative e il ruolo avuto da alcuni carrozzieri nella simulazione dei danni sui veicoli, la connivenza dei periti (alcuni privi di abilitazione) nell’accertamento dei danni, l’opera dei falsi testimoni e i comportamenti di alcuni avvocati utilizzati nell’organizzazione per promuovere le cause civili di competenza del giudice di pace, innanzi al quale di volta in volta venivano citate in giudizio le malcapitate compagnie assicurative. In altre circostanze gli stessi vertici dell’organizzazione, privi di titoli autorizzativi, hanno agito per “transigere con il liquidatore in via stragiudiziale il risarcimento, qualificandosi con il nome del falso danneggiato o dell’avvocato mandatario o del suo collaboratore di studio”. Le investigazioni hanno permesso di individuare, anche, due fantomatiche società utilizzate dai vertici dell’organizzazione per la produzione di falsi preventivi di spesa e di false fatturazioni per un totale, calcolato nel periodo che ha interessato le indagini, di circa 250mila euro”.

Otto persone sono finite in carcere, sei ai domiciliari, quattro divieti di dimora nella provincia di Caserta e due divieti di esercitare la professione di avvocato