Camorra, il boss Francesco Ferrara faceva vacanze da oltre 80mila euro in Sardegna

SULLO STESSO ARGOMENTO

Sviluppava un ricco volume d’affari il clan “bicefalo” Ferrara-Cacciapuoti di Villaricca, comune dell’hinterland di Napoli, sgominato dai Carabinieri e dalla Guardia di Finanza che oggi, coordinati dalla Direzione distrettuale antimafia, hanno notificato 19 arresti e un decreto di sequestro urgente.

Lo dimostra il ‘business’ delle undici società sequestrate dai carabinieri, 16 milioni all’anno, ma anche – e soprattutto – una intercettazione nella quale uno dei vertici ricorda una lussuosa vacanza in Sardegna risalente al 2010, costatagli tra gli 80 e i 90mila euro.

“Sono andato in Sardegna – dice Francesco Ferrara, ritenuto elemento di vertice di una delle due anime del clan – per una vacanza, una volta, mi è costata 80-90 mila euro, però, quell’ anno, io ho guadagnato un milione e mezzo”.

    L’organizzazione mafiosa vantava ottimi rapporti, anche d’affari, con federazioni criminali di rango come l’Alleanza di Secondigliano e il clan dei Casalesi e agli investigatori è chiaro che per il clan l’unica cosa che conta sono gli affari. Nulla deve interferire con i loro ‘business’, neppure lo spaccio di droga, che pure rappresenta un capitolo importante dei loro introiti.

    E infatti, la compravendita di stupefacenti è vietata – per ordine del clan – in strada, nelle cosiddette piazze di spaccio perché, come spiega un pentito, il boss “non vuole che i suoi affari imprenditoriali milionari vengano compromessi dai controlli sul territorio delle forze dell’ordine”.

    E chi non rispettava il diktat era considerato un traditore. La vicinanza con le altre organizzazioni criminali campane è testimoniata da un dato riscontrato dagli investigatori: a “tenere” la latitanza di Edoardo Contini, boss di caratura, vertice dell’omonimo clan componente dell'”Alleanza di Secondigliano” insieme alle famiglie Licciardi e Mallardo, fu proprio la famiglia Ferrara.

    Il clan di Villaricca gli mise a disposizione anche un’abitazione nei pressi della villa del boss Domenico Ferrara. Non solo. Quest’ultimo aveva anche il grado e il ruolo di “ufficiale di collegamento” tra Edoardo Contini e il reggente dell’omonimo clan Patrizio Bosti, oltre che tra tra questi ultimi due e il clan Mallardo.

    Ovviamente, accanto all’imprenditoria il clan di Villaricca gestiva anche le estorsioni e aveva un’importante disponibilità di armi. Infatti se a occuparsi degli affari erano i Ferrara, ai Cacciapuoti invece era stata delegata l’ala militare.

    LEGGI ANCHE

    Napoli, muore a 21 anni dopo intervento per aumentare il seno

    Nella zona di San Pietro a Patierno a Napoli, si è consumata una tragedia che ha lasciato tutti sconvolti. La giovane Alessia Neboso ha perso...

    L’attrice Ida Di Benedetto dopo il furto in casa: “Venivo qui per vedere il mare, andrò via da Napoli”

    "Qualcuno ha fatto irruzione nella mia camera da letto alle sei del mattino, ci ha chiusi all'interno. Mi sono resa conto della situazione e...

    Sempre in coma il poliziotto che ha inseguito il detenuto evaso

    E' ancora in pericolo di vita il poliziotto penitenziario di 28 anni di Napoli, Carmine De Rosa,  gravemente ferito mentre cercava di fermare la...

    IN PRIMO PIANO