🔴 ULTIME NOTIZIE :

Prove su nuovi treni, stop di sette ore e mezza per la linea 1 metropolitana di Napoli

Nuovo stop, questa volta della durata di 7 ore e mezza, per la Linea 1 della metropolitana di Napoli. Stop per la Linea 1 della Metro di Napoli Per consentire lo svolgimento di prove tecniche su materiale rotabile, spiega infatti l'azienda Anm, il servizio sarà sospeso sull'intera tratta Piscinola-Garibaldi dalle 9.15...

Napoli, al Museo archeologico laboratori e tirocini per detenuti

Percorsi per figli reclusi. Accordo con l'Amministrazione penitenziaria della Campania

napoli laboratori detenuti

    Napoli, al Museo archeologico laboratori e tirocini per detenuti. Percorsi per figli reclusi. Accordo con l’Amministrazione penitenziaria della Campania

    Siglato il protocollo d’intesa che lega, per il 2023, il Museo archeologico nazionale di Napoli al Provveditorato regionale dell’Amministrazione penitenziaria della Campania.

    Nell’accordo, sottoscritto dal direttore del MANN Paolo Giulierini e dalla provveditrice Lucia Castellano, sono specificate le attività che saranno portate innanzi dalle due istituzioni nel prossimo anno.

    Filo conduttore delle iniziative sarà il recupero sociale e culturale dei detenuti che si trovano negli istituti penitenziari della regione: nel rispetto della normativa di settore, il Museo si configurerà come parte attiva per la realizzazione di laboratori creativi e didattici, tirocini formativi e borse lavoro, con un’attenzione particolare alla proposta di lavori di pubblica utilità inerenti al mondo dell’arte.

    Anche grazie alla collaborazione con l’Associazione Pediatri della Campania, percorsi ad hoc saranno dedicati ai bimbi figli di detenuti, per dare un supporto concreto a quelli che, nella manualistica di settore, sono definiti casi di “genitorialità complessa”.

    “Ancora una volta – commenta Giulierini – il Museo archeologico nazionale di Napoli trova il significato della propria missione nel supporto alle realtà ad alto rischio di marginalità sociale: di recente, abbiamo ospitato una mostra fotografica di ragazzi sottoposti a misure cautelari, adesso rendiamo sistematica la nostra propensione a coadiuvare chi, con grande sacrificio, lavora quotidianamente a contatto con un mondo che è solo apparentemente lontano da noi”.

    Per Castellano l’accordo è “un formidabile strumento per favorire il rapporto tra il carcere e la città”. “I detenuti – aggiunge – offrono le proprie competenze al Museo e beneficiano nel contempo della relazione con il mondo della cultura, aprono la loro mente ad altri scenari, a volte sconosciuti.

    Ringrazio il Mann e il direttore Giulierini per la lungimiranza e la visione che hanno portato alla sottoscrizione dell’accordo e auspico che si traduca in concrete azioni di rilievo per la comunità dei cittadini, liberi e reclusi”.

    Iscriviti alla Newsletter

    Ogni mattina le ultime notizie nella tua posta elettronica

    Camorra a Villaricca: la Prefettura di Napoli, su proposta dei Carabinieri del nucleo informativo del comando provinciale partenopeo, ha emesso 4 interdittive anti-mafia nei confronti di altrettante società riconducibili al clan Ferrara-Cacciapuoti. I provvedimenti del Prefetto nascono a seguito delle indagini condotte dai militari del nucleo informativo grazie al prezioso contributo dei carabinieri del nucleo investigativo del gruppo di castello di cisterna che hanno dimostrato la riconducibilità delle società – 3 distributori di carburanti e un bar – al clan camorristico Ferrara-Cacciapuoti.  Le mani del clan Ferrara Cacciapuoti sul settore carburanti Quest’attività, grazie al prezioso contributo dei Carabinieri del nucleo informativo del...
    Somma Vesuviana. Questa mattina i carabinieri della sezione radiomobile di castello di cisterna sono intervenuti in Via san Sossio per una rapina nel bar tabacchi “Quinson Bar”. Poco prima, sconosciuti armati avrebbero minacciato una dipendente e portato via decine di stecche di sigarette di varie marche. Rapinato del suo cellulare anche un cliente presente in quel momento. Non ci sono feriti. Indagini in corso per chiarire dinamica e individuare i malviventi. I carabinieri hanno interrogato i presenti e inoltre stanno cercando immagini utili alle indagini da quelle delle telecamere pubbliche e private presenti nella zona.

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche