Vendetta dopo aggressione, 5 arresti in provincia di Avellino

https://wordpress.org/support/article/excerpt/

google news

Avellino. Lo avevano atteso sotto casa, armati di spranghe di ferro e mazze di baseball, per vendicarsi dell’aggressione subita pochi giorni prima in un locale notturno di AVELLINO. A distanza di quasi un anno, era il 19 ottobre del 2021, cinque persone sono state arrestate dai carabinieri del Comando provinciale di AVELLINO a conclusione delle indagini coordinate dal procuratore capo, Domenico Airoma, per tentato omicidio in concorso e detenzione e porto abusivo di armi.

L’agguato, nel corso del quale vennero esplosi anche alcuni colpi di pistola che pero’ non raggiunsero la vittima designata, un 26enne di AVELLINO con precedenti penali come i suoi aggressori, venne posto in essere di sera mentre il giovane stava rincasando nel quartiere avellinese di Quattrograna.

LEGGI ANCHE  Oroscopo oggi, previsioni segno per segno. Pesci fortunati oggi

Prima di essere circondato dagli aggressori, giunti sul posto con due auto e un furgone, riusci’ a darsi alla fuga e a dare l’allarme al 112 dei carabinieri. Nel corso delle perquisizioni in casa degli indagati sono state trovate e sequestrate una pistola con caricatore inserito e pronta all’uso, un taser e varie munizioni. Le ordinanze di custodia cautelare in carcere sono state firmate dal Gip del tribunale di AVELLINO.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Camorra, stipendi del clan pagati col gioco d’azzardo e droga, condannati i Casalesi

Le condanne ai i vertici dell’organizzazione tra cui Walter Schiavone figlio di Sandokan

Pozzuoli, dal 3 ottobre chiude la stazione Cantieri della Cumana

L'Eav comunica che la chiusura della stazione Cantieri della Cumana a Pozzuoli è necessaria per i lavori di raddoppio della linea

Camorra, il boss Michele Zagaria assolto per i messaggi dal carcere

Per il tribunale Michele Zagaria non avrebbe gestito clan dopo arresto del 2011

Saman, intercettata telefonata del padre: “Ho ucciso mia figlia”

Intercettata la telefonata di Shabbar, il padre di Saman Abbas, la 18enne scomparsa, in cui dichiarava di aver ucciso sua figlia

IN PRIMO PIANO

Pubblicita