Compie 88 anni Sophia Loren, la diva senza tempo

Compie 88 anni Sophia Loren, la diva senza tempo con 70 anni di carriera e due oscar. Ambasciatrice della bellezza italiana nel mondo nonché diva più amata della storia del cinema internazionale, un nome entrato nella Walk of fame: Sophia Loren compie 88 anni. Settant’anni di carriera, due Oscar e 5 Golden Globe, l’attrice, all’anagrafe […]

google news

Compie 88 anni Sophia Loren, la diva senza tempo con 70 anni di carriera e due oscar.

Ambasciatrice della bellezza italiana nel mondo nonché diva più amata della storia del cinema internazionale, un nome entrato nella Walk of fame: Sophia Loren compie 88 anni. Settant’anni di carriera, due Oscar e 5 Golden Globe, l’attrice, all’anagrafe Sofia Costanza Brigida Villani Scicolone, è nata a Roma il 20 settembre 1934 da Romilda Villani, insegnante di pianoforte, e da Riccardo Mario Claudio Scicolone, affarista nel settore immobiliare. Il padre riconobbe la paternità della bambina, ma rifiutò sempre di sposare Romilda, che si occupò da sola della formazione della figlia.

Fu notata giovanissima ad un concorso di bellezza da Carlo Ponti, che poi diventerà suo marito – per procura in Messico nel 1957 – tra mille polemiche in Italia visto che il produttore era già sposato e il divorzio non era ancora consentito. Fu lo stesso Ponti a offrirle il primo contratto e a consigliarle di usare un nome d’arte: Sofia Lazzaro prima e Sophia Loren poi. E’ con questo nome che gira le prime pellicole di successo a fianco di Alberto Sordi, interpretando ‘Cleopatra’ e quello di una sua sosia in ‘Due notti con Cleopatra’ di Mario Mattoli nel 1953.

L’anno successivo è la volta di ‘L’oro di Napoli’, film a episodi diretto e interpretato da Vittorio De Sica con Totò, Silvana Mangano e Eduardo De Filippo e ‘Miseria e nobiltà’, adattamento dell’opera di Vincenzo Scarpetta, a fianco di Totò. Proprio riguardo a De Sica, Sophia ha raccontato un aneddoto incentrato sulla fame patita da ragazzina.

In un’intervista a Repubblica disse: “Devo ringraziare mio marito e De Sica. Ho cominciato dal niente. Mia madre era una povera signora, morivamo di fame e siamo andate a Roma.
Senza persone che credono in te non vai da nessuna parte. Incontrai Carlo Ponti, il mio futuro marito, e mi fece conoscere Vittorio De Sica. Lo porto nel cuore. Doveva fare ‘L’oro di Napoli’, stavamo nell’ufficio di De Laurentiis, non osavo dire una battuta. Capii che gli ero piaciuta dal modo in cui mi parlava: ‘Siccome parto per Napoli ti faccio un provino subito, se va bene puoi fare la pizzaiola’. Mi misi a piangere. ‘Domani vieni sul set’. Cosi’ fu. De Sica era adorabile, un uomo di cuore. Unico. Ha creduto in me”.

Con De Sica giro’ in totale 8 film spesso in coppia con Mastroianni, costituendo uno dei sodalizi piu’ celebri e duraturi della storia del cinema. Di Toto’ racconto’, nell’autobiografia ‘Sophia Loren. Ieri, oggi, domani. La mia vita’, il primo incontro: “Titubante, mi ero avvicinata per presentarmi: ‘Scicolone Sofia, molto onorata’. Lui era stato dolce, mi aveva sorriso e mi aveva offerto un po’ del suo tempo prezioso. ‘Che ci fa qui una guaglioncella come te? Da dove vieni?’.

‘Sono di Pozzuoli, sono qui per fare il cinema’. ‘Ah… il cinema’ aveva sospirato, dedicandomi una delle sue celebri facce. Per un istante la sua ironica, irresistibile malinconia fu tutta per me. La bevvi, come un bicchiere d’acqua fresca, e mi sentii più forte. Se Totò mi stava regalando un pizzico della sua attenzione, significava che tutto era possibile. Che tutto il meglio era già qui. Ma il Principe non si era limitato alle parole. Alla fine, intuendo ciò che avevo tentato di nascondere, mi aveva messo in mano centomila lire. Credo mi avesse letto negli occhi la fame: di cibo, di lavoro, o forse più semplicemente di cinema. Io e mammina ci mangiammo a lungo, come se avessimo vinto al lotto”.

La prima interpretazione iconica fu in ‘Pane, amore e…’ del 1955, di nuovo in coppia con De Sica. Del film di Dino Risi, quarto maggiore incasso del ’55/’56, dove la Loren e’ una pescivendola che tenta di sedurre il maresciallo Carotenuto (De Sica) affinche’ la facesse restare nella sua casa in affitto, rimane nell’iconografia collettiva la scena del mambo ballato dalla Loren e De Sica. Gli anni ’60 rappresentarono la consacrazione mondiale a diva del cinema. A Hollywood in realta’ ci era gia’ arrivata nella seconda meta’ degli anni ’50 recitando in coppia con Cary Grant, John Wayne e Anthony Quinn. Per ‘Orchidea nera’, film del 1958 con Grant, vinse il suo primo David di Donatello e la Coppa Volpi a Venezia. A soli 26 anni e’ gia’ l’icona del cinema italiano nel mondo, ma e’ proprio nel 1961 che arriva il ruolo della sua vita. Nel 1960, diretta ancora una volta da De Sica, vesti’ i panni di Cesira in ‘La ciociara’ dell’omonimo romanzo di Moravia, un’interpretazione perfetta, che le valse l’Oscar per la migliore attrice, il primo assegnato ad un’interprete di un film non in lingua inglese. Oltre al premio vinto nel 1962, porto’ a casa con lo stesso film la Palma d’oro a Cannes, il Bafta, il David di Donatello e il Nastro d’argento o, e il TIME le dedico’ la copertina del numero di Aprile dello stesso anno. I successi con De Sica, e il sodalizio con Mastroianni, si ripetono nel 1963 e nel 1964 con ‘Ieri, oggi, domani’ e ‘Matrimonio all’italiana’, che le vale una seconda nomination agli Oscar del 1965. Entrambi con lo zampino di Eduardo: ‘Adelina’, il primo episodio del film del 1963, e’ stato scritto dal grande drammaturgo partenopeo, mentre ‘Matrimonio all’italiana’ e’ la trasposizione cinematografica di ‘Filumena Marturano’. Altro film che lega la Loren a De Filippo e’ ‘Sabato, domenica e lunedi’ trasposizione degli anni ’90 diretta da Lina Wertmuller tratta dall’opera omonima di Eduardo. L’ultimo film del trio Loren, Mastroianni e De Sica fu ‘I girasoli’ del 1969, mentre nel 1974 fu Adriana de Mauro nel drammatico ‘Il viaggio’, ultima pellicola di Vittorio De Sica. Con Mastroianni torno’ a lavorare nel capolavoro ‘Una giornata particolare’ di Ettore Scola del 1977 che vinse il Golden Globe come miglior film straniero e per lei fu il sesto David di Donatello, il secondo Nastro d’argento e il primo Globo d’oro. Nel 1982, a seguito di vecchi problemi col fisco italiano, Loren viene arrestata con l’accusa di frode fiscale. L’attrice resta in cella per 17 giorni e, solo nel 2013, la Corte di Cassazione ha escluso una sua responsabilita’, attribuendola invece al commercialista. Nel 1991 arriva l’Oscar alla carriera e tre anni dopo in “Pret a’ porter” di Robert Altman la vuole per il suo film , dove, 30 anni dopo, rimette in scena il celebre spogliarello di ‘Ieri, oggi, domani’. Nel 1999 e’ Sofia Loren a consegnare l’Oscar al miglior film straniero a Roberto Benigni. Memorabile la scena in cui, al grido dell’attrice “And the Oscar goes to… Robberto” (con due b), l’attore raggiunge il palco dell’Academy camminando sugli schienali delle poltrone. Nel nuovo millennio l’attrice gira “Cuori estranei”, diretta dal figlio Edoardo Ponti e due anni dopo “Peperoni ripieni e pesci in faccia” di Lina Wertmuller. Nel 2001 l’attrice napoletana (piu’ volte ha ripetuto con vanto: “Io non sono italiana, sono napoletana”) torna in tv con le fiction televisive “Francesca e Nunziata”, sempre di Lina Wertmuller, con Claudia Gerini e Raoul Bova e “La terra del ritorno” (2004), con Sabrina Ferilli. Nel 2009, dopo diversi anni di assenza sul set, e’ chiamata da Rob Marshall per interpretare la madre del protagonista in ‘Nine’, l’omaggio di Rob Marhall del 2009 a ‘8 e mezzo’ di Federico Fellini. Nel 2011 per la prima volta nella sua carriera doppia il film d’animazione Disney-Pixar Cars 2, dove ha il ruolo di Mamma Topolino. La sua ultima interpretazione risale al 2020 quando e’ protagonista de ‘La vita davanti a se”, diretta dal figlio Edoardo Ponti. In totale in carriera Sophia Loren ha 2 Oscar, 5 Golden Globe, 1 Leone d’oro, 1 Grammy Award, la Coppa Volpi a Venezia, il Prix d’interpretation feminine a Cannes, l’Orso d’oro a Berlino, un Bafta, 10 David di Donatello e 3 Nastri d’argento che ne fanno l’attrice italiana piu’ premiata al mondo.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Il Trianon Viviani ha assunto l’adozione di piazza Vincenzo Calenda

Firmata oggi la convenzione tra il Comune e la Fondazione

A Giugliano arsenale scoperto in un casale diroccato

Un fucile, 2 pistole, proiettili e anche 148 dosi di cocaina ritrovati in un casale diroccato a Giugliano

Martina, morta a 27 anni, ridà la vita ad altre 7 persone con la donazione organi

Fisioterapista morta a 27 anni per una emorragia cerebrale, la famiglia ha deciso la donazione organi

Il sindaco di Meta annuncia dimissioni su Fb

Nell'era social la politica si pratica e si fa soprattutto sulle piattaforme virtuali.

IN PRIMO PIANO

Pubblicita