Il rally spinge la capitalizzazione di mercato delle criptovalute oltre 1T di dollari

La capitalizzazione di mercato delle criptovalute ha superato 1T di dollari per la prima volta dal 12 giugno. Il recente rally dei mercati delle criptovalute ha recuperato una vecchia pietra miliare, dato che la capitalizzazione complessiva del mercato ha superato 1T di dollari per la prima volta dal 12 giugno. Dopo aver raggiunto un picco […]

google news

La capitalizzazione di mercato delle criptovalute ha superato 1T di dollari per la prima volta dal 12 giugno.

Il recente rally dei mercati delle criptovalute ha recuperato una vecchia pietra miliare, dato che la capitalizzazione complessiva del mercato ha superato 1T di dollari per la prima volta dal 12 giugno.

Dopo aver raggiunto un picco di 3 miliardi di dollari nel novembre 2021, la capitalizzazione di mercato delle criptovalute si è aggirata intorno ai 900 miliardi di dollari nell’ultimo mese. Secondo i dati di TradingView, il 18 giugno è sceso fino a 800 miliardi di dollari.

La scorsa settimana le criptovalute hanno iniziato a registrare una tendenza al rialzo. Le prime sette criptovalute per capitalizzazione di mercato sono tutte in rialzo di almeno il 13% dal 12 luglio, secondo i dati della funzione di charting pubblicata di recente.

Secondo Jeff Dorman, chief investment officer del fondo cripto Arca, il rialzo può essere attribuito a diversi fattori: tendenze macroeconomiche più ampie, sviluppi positivi all’interno delle criptovalute e investitori che scommettono sul successo di The Merge.

Pressioni macro

“In primo luogo, a livello macro, si è visto un po’ di allentamento delle pressioni”, ha detto Dorman.

“Il dollaro ha smesso di salire, i rendimenti di mercato hanno iniziato a calare un po’. La [Federal Reserve statunitense] e le altre banche centrali hanno iniziato a orientarsi, se non verso una lotta all’inflazione meno aggressiva, almeno verso una maggiore consapevolezza di aver causato troppi danni all’economia e di dover quindi abbassare i tassi di interesse a un certo punto”.

Correlazione con le azioni

La correlazione tra criptovalute e azioni è effettivamente viva e vegeta: l’S&P 500 è salito del 3% dal 12 giugno, quando Ethereum ha iniziato a salire e molti lo hanno scambiato su Biticodes. Nello stesso periodo, il Nasdaq, che è un settore tecnologico, è salito del 5,6%.

Secondo Dorman, però, ci sono diversi fattori che hanno spinto i guadagni della criptovaluta oltre quelli del mercato azionario statunitense.

“Penso che tutti possiamo concordare sul fatto che la DeFi ha fatto il suo lavoro, mentre la CeFi non l’ha fatto”, ha detto, facendo eco ad altri osservatori del mercato e agli appassionati di criptovalute che hanno visto la DeFi vendicata nelle conseguenze dei fallimenti di aziende come Celsius e Voyager. “Di conseguenza, non è sorprendente che il rally sia stato guidato dai token DeFi”. L’indice DPI della DeFi è salito del 31% nell’ultimo mese.

Tutti gli occhi sulla fusione

Altri token sono stati sostenuti da sviluppi positivi, ha aggiunto Dorman. Ma il “grande” è arrivato alla fine della scorsa settimana, quando gli sviluppatori di Ethereum hanno fornito un calendario chiaro, anche se provvisorio, per il tanto atteso aggiornamento noto come The Merge. Se tutto va secondo i piani, The Merge avverrà il 19 settembre e ridurrà il consumo di energia della rete e, di conseguenza, le emissioni di carbonio di circa il 99%.

In effetti, mentre le criptovalute più importanti del mondo si sono apprezzate nell’ultima settimana, Ether ha fatto un balzo in avanti e ha guadagnato il 40% dal 12 giugno, secondo i dati della funzione di grafici pubblicata di recente. Solana si è piazzata al secondo posto, con un aumento del 25% nello stesso periodo.

Liquidazioni forzate

“Quando si mettono insieme tutte queste cose, si inizia a capire che la maggior parte del sell-off da 28.000 dollari di Bitcoin e 1.800 dollari di Ethereum non è stata causata dal tentativo di vendere”, ha detto. Piuttosto, è stata causata dalla vendita forzata dei due asset da parte di aziende in difficoltà come il fondo hedge di criptovalute Three Arrows Capital.  

E il peggio potrebbe essere alle spalle.

“Credo che Three Arrows sia stato il maggior responsabile dal punto di vista della leva finanziaria, e in pratica tutte le loro garanzie sono state liquidate”, ha detto.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Napoli, funicolare di Chiaia chiusa. Il flop della navetta NC

Nessun mini bus per Palazzolo. Funicolare Centrale senza potenziamento

Campania, personale ex LSU stabilizzato dalla Giunta regionale

La FP CGIL: "165 lavoratori pagati 400 euro al mese, intervenire subito"

Kimbo Melito, l’azienda: “Il sindacato sapeva che il bilancio non era stato approvato”

La replica dell'azienda Kimbo Melito dopo le proteste dei lavoratori e dei sindacati

Varcaturo, migrante nasconde droga e scacciacani: arrestato

I carabinieri di Giugliano hanno notato un migrante del Ghana mentre nascondeva droga e una pistola scacciacani sotto una cantainer abbandonato a Varcaturo

IN PRIMO PIANO

Pubblicita