google news

Arzano, ritorna il clima di paura in città: la camorra sfila in corteo a bordo di moto

Arzano. Ritorna il clima di paura in città: scorribande di sconosciuti con volti travisati e […]

Arzano. Ritorna il clima di paura in città: scorribande di sconosciuti con volti travisati e in sella a moto sfilano in “corteo” per le strade cittadine. I clan sfidano le forze dell’ordine in pieno giorno. Non si ferma il clan, nemmeno dopo i 29 arresti avvenuti lo scorso 25 aprile e tira brutta aria dopo le assoluzioni in corte di Assise e di Appello dei boss Renato Napoleone, Francesco Paolo Russo e Angelo Gambino detenuti e condannati in primo grado all’ergastolo per l’omicidio di Ciro Casone avvenuto in un centro abbronzante ed ex capozona di Arzano per conto del clan Moccia.

Strani movimenti , infatti, si sarebbero registrati ieri sera tra le 19 e le 19,30 sul territorio cittadino. Sconosciuti, alcuni dei quali con volti parzialmente travisati e in sella ad alcune moto, avrebbero girato in lungo e largo per le vie del paese, il giorno della notizia dell’assoluzione di Napoleone, Russo e Gambino ritenuti nelle ordinanze di arresto contro il clan della 167, i veri capizona di Arzano con stipendi mensili che arrivano fino a 12mila euro al mese. Potrebbe essere uno dei primi segnali di forza quello di ieri sera.

Almeno quattro le motociclette con a bordo soggetti con intenzioni poco raccomandabili, sarebbero transitate a forte velocità zigzagando tra le auto e marciapiedi per piazza Cimmino, Via Pecchia e via Napoli, almeno dai racconti degli impauriti dei cittadini. Episodi poco rassicuranti che rendono opportuno da parte delle forze dell’ordine acquisire subito le immagini delle telecamere di privati onde verificare questo giorno di follia e per approfondirne i vari aspetti.

Infatti, ad Arzano, non esiste ancora una rete di telecamere cittadine comunali. I tre assolti, che ovviamente dovranno fare i conti con l’eventuale ricorso della Procura Generale, erano ritenuti al servizio prima di Mariano Riccio ( genero di Cesare Pagano), e successivamente alla corte di zia Rosaria Pagano. La caratura criminale dei tre, la cui scarcerazione ha destato sconcerto nella popolazione, riporta in mente la loro ferocia proverbialmente riconosciuta dai numerosi pentiti e indagini. Napoleone, tra l’altro, era fidanzato con la sorella di Pasquale Cristiano. Quanto accaduto giovedì mette in luce la vulnerabilità di un territorio da decenni in balia dei clan che si fronteggiano a suon di sparatorie e morti ammazzati.

Luigi Vanacore

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Le Notizie più lette

In Primo Piano

Cronaca Napoli

Meteomar Napoli, previsioni oggi 08 Agosto: Mare Mosso

Il bollettino del Mare a Napoli Salerno e in Campania

Controlli a Ischia: circa 500 identificati

Ischia. Lo scorso fine settimana gli agenti del Commissariato di Ischia, con il supporto del Reparto Prevenzione Crimine Campania, hanno effettuato un servizio straordinario...

Nuova data a Napoli per il tour Venditti & De Gregori

Napoli. Dopo il grande successo di pubblico e critica ottenuto con il concerto allo Stadio Olimpico di Roma e con le prime date del...

Riserva Astroni, sopralluogo per verifica danni incendio

L'VIII commissione consiliare permanente della Regione Campania (Agricoltura, Caccia, Pesca, Risorse comunitarie e statali per lo sviluppo), presieduta dal consigliere regionale di Europa Verde...
spot_img
spot_img

Leggi anche

Meteomar Napoli, previsioni oggi 08 Agosto: Mare Mosso

Il bollettino del Mare a Napoli Salerno e in Campania