🔴 ULTIME NOTIZIE :

A Secondigliano 35enne accoltellato alla schiena e al gluteo

Napoli. I carabinieri della stazione di Secondigliano sono intervenuti ieri sera presso il CTO per un 35enne ferito. Secondo una prima ricostruzione l’uomo (già noto alle forze dell’ordine) sarebbe stato ferito ad un gluteo e alla schiena, con un arma (probabile arma da taglio) e in circostanze ancora da chiarire. Sarebbe...

Maradona jr contro il Napoli: “Per la maglia di papà serviva nostro ok”

Maradona jr, figlio del campione argentino spiega: "La firma di Ceci non è valida, il Napoli ci contatti"

maradona jr

    Maradona jr minaccia azione legali contro il Napoli insieme agli altri figli del campione argentino per la vicenda delle magliette celebrative.

     “La maglia con l’immagine di mio padre é stata fatta senza mai alzare il telefono con uno di noi figli, il Napoli ha fatto tutto tutto con Stefano Ceci con cui abbiamo iniziato un’azione legale perché crediamo che il contratto con mio padre sull’uso della sua immagine dopo la sua scomparsa non vale più”.

    E’ questo il nodo su cui batte Diego Armando Maradona Junior, uno dei cinque figli riconosciuti dall’argentino insieme a Dalma, Giannina, Jana e Diego Fernando. Maradona jr. si riferisce alla maglia indossata ieri dagli azzurri contro il Verona e venduta già in 1926 esemplari (anno della fondazione del club azzurro) con un incasso che andrà in beneficenza.

    Maradona Junior non ha voglia di fare causa al Napoli o di ricavare soldi ma semplicemente far capire che per l’uso dell’immagine di Maradona bisogna parlare con i figli. “Mio padre – ha spiega – nell’agosto 2020 ha firmato un’autorizzazione per l’uso dell’immagine a Stefano Ceci. Quando é mancato, si sarebbe dovuto parlare di questa cosa con noi eredi. Questo non è accaduto e noi fratelli siamo rimasti molto delusi. Lo ha scritto anche Dalma qualche giorno fa. A Ceci è stata notificata questa rottura di contratto ma lui continua a dire che il contratto è in vigore e quindi firma autorizzazioni per un contratto che per noi e’ nullo. Ha firmato quindi una persona non autorizzata”.

    Nei confronti di Ceci già da un mese i figli di Maradona hanno iniziato un’azione legale: “Gli avvocati in Italia e in Argentina – spiega Diego Maradona Junior – ci dicono che siamo dalla parte della ragione. Contro il Napoli ad oggi non abbiamo fatto alcuna azione legale ma proveremo a metterci in contatto con la società e proveremo a spiegare che il contratto non e’ valido. Ad alcune persone della società è stata già notificata questa opposizione che nasce non da una questione di soldi, dei soldi non mi interessa, io mi sveglio presto e torno alle otto di sera, lavoro.

    Però nessuno ci ha considerato, nessuno ha alzato il telefono, nessuno ci ha detto ‘giochiamo con la faccia di Maradona sulla maglia, volete venire allo stadio, volete ritirarne una simbolicamente?’. Niente”.

    “Quello che è successo prima della morte di mio padre sono sue responsabilità e non mi sono mai intromesso – conclude Diego Junior – Ma ora vogliamo un dialogo con il Napoli e non vogliamo essere costretti ad agire per vie legali. Stiamo preparando una lettera da mandare al Napoli, spero che qualcuno ci chiami ma per dialogare, io non voglio niente dal Napoli ma vogliamo essere considerati”. 

    Iscriviti alla Newsletter

    Ogni mattina le ultime notizie nella tua posta elettronica

    Maltempo estremo questo giovedì 9 febbraio 2023 al Sud e parte del settore adriatico, almeno fino a domani, poi nel weekend tornerà il sole ed il caldo su tutta l'Italia. Un uragano mediterraneo, o Medicane dalla sintesi delle parole MEDIterranean hurriCANE, sta infatti per colpire la Sicilia e non solo. In arrivo venti di tempesta, piogge torrenziali e nevicate storiche, in particolare tra il settore orientale dell'isola e la bassa Calabria. I meteorologi confermano che la struttura ciclonica spaventa parte del Sud e che potrebbe portare disagi fin sulla Sardegna orientale. Si tratta di un ciclone in risalita dalla Tunisia con...
    I carabinieri della sezione operativa di Castellammare di Stabia hanno arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio un 44enne di Pimonte, Napoli, già noto alle forze dell’ordine. Durante una perquisizione nella sua abitazione i militari hanno rinvenuto 160 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e 1120 euro in contante ritenuto provento illecito. Pimonte pusher fugge in mutande e scalzo La droga riempiva alcuni barattoli che l'uomo ha provato a nascondere, tentando la fuga da casa in mutande e scalzo. L'uomo è ora in carcere, in attesa di giudizio che si celebrerà stamane con rito direttissimo davanti al Tribunale di Torre...

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche