napoli

Alla tragedia si aggiunge un’altra tragedia, al dolore si aggiunge altro dolore per la famiglia di Emanuele Melillo, il giovane autista di Napoli morto la scorso settimana a Capri  cadendo con il bus lungo la strada che da Marina Grande porta alla piazzetta.

Dolore su dolore per la famiglia di Emanuele Melillo, l’autista di 32 anni morto nel grave incidente avvenuto lo scorso 22 luglio a Capri, dove un minibus, dopo avere sfondato una ringhiera, e’ precipitato su uno stabilimento balneare di Marina Grande.

Oggi la sua compagna Rosaria Aridità, 30 anni ha perso il bimbo che aveva in grembo. La giovane ha iniziato a stare male subito dopo la tragedia: la morte del compagno l’ha sorpresa pochi giorni dopo avere coronato il sogno di andare a vivere insieme con Emanuele.

LEGGI ANCHE  Al via test medicina, a Napoli in 4mila sognano il camice bianco

Il giovane e sfortunato autista il 29 giugno scorso aveva annunciato sulla sua pagina facebook la lieta notizia. “I Melillo aumentano”, aveva scritto postando la foto del test positivo di gravidanza della sua compagna.

PUBBLICITA'

napoli

Oggi purtroppo è arrivata la notizia della nuova tragedia. La famiglia, inoltre, secondo quanto si e’ appreso, sta ricevendo numerose telefonate di sedicenti benefattori che stanno offrendo assistenza gratuita.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, martedì i funerali dell’autista Emanuele Melillo

Nel frattempo sempre oggi si è deciso che i funerali di Emanuele Melillo si svolgeranno dalle 16 di martedi’ prossimo 3 agosto, nella Chiesa di San Lorenzo in Piazza San Gaetano, a Napoli.

 

 


Google News


Ti potrebbe interessare..