Campania regione a rischio

Il nuovo report settimanale dell’Istituto superiore di sanità indica la Campania regione a rischio moderato insieme ad altre 7 mentre 13 sono a rischio basso

Campania regione a rischio moderato insieme ad altre 7 mentre 13 sono a rischio basso.

“Sono otto le Regioni e province autonome classificate a rischio moderato (Abruzzo, Campania, Marche, Bolzano, Trento, Sardegna, Sicilia e Veneto) e 13 a rischio basso (Basilicata, Calabria, Emilia-Romagna, Friuli Venezia-Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Molise, Piemonte, Puglia, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta). Tutte le Regioni e province autonome hanno un Rt compatibile con uno scenario di tipo uno”. Lo riporta la bozza del report Iss-ministero della Salute sul monitoraggio settimanale con i dati relativi alla settimana 28 giugno – 4 luglio.

Nessuna supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica. Il tasso di occupazione in terapia intensiva e’ 2%: i ricoverati passano da 240 (29/06/2021) a 187 (06/07/2021). L’occupazione in aree mediche scende ulteriormente (2%) e i ricoverati passano da 1.676 (29/06/2021) a 1.271 (06/07/2021).

Campania regione a rischio

Campania regione a rischio

Cinque Regioni riportano una allerta di resilienza, nessuna Regione riporta molteplici allerte. Si mantiene stabile il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (1.539 vs 1.578 la settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attivita’ di tracciamento dei contatti e’ in diminuzione (32,6% vs 37,4% la scorsa settimana). Aumenta la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (40,3% vs 35,8%). Infine, il 27,2% e’ stato diagnosticato attraverso attivita’ di screening.

 Campania regione a rischio – Iss: Focolai variante delta, necessario rispettare misure

“Sulla base dei dati e delle previsioni ECDC, della presenza di focolai causati dalla variante virale delta in Italia e delle attuali coperture vaccinali, è opportuno mantenere elevata l’attenzione, così come applicare e rispettare le misure necessarie per evitare un aumento della circolazione virale”. E’ quanto si legge nella bozza del report settimanale di monitoraggio di ministero della Salute e Iss.

Campania regione a rischio – Iss: stabile numero casi non associati a catene trasmissione

“Si mantiene stabile il numero di nuovi casi non associati a catene di trasmissione (1.539 vs 1.578 la settimana precedente). La percentuale dei casi rilevati attraverso l’attività di tracciamento dei contatti è in diminuzione (32,6% vs 37,4% la scorsa settimana)”. E’ quanto evidenzia la bozza del report settimanale Iss sulla situazione epidemiologica in Italia. “Aumenta la percentuale dei casi rilevati attraverso la comparsa dei sintomi (40,3% vs 35,8%). Infine, il 27,2% è stato diagnosticato attraverso attività di screening”, si legge.

LEGGI ANCHE  Le Voci del Monte 2021, rassegna di teatro all'aperto a Somma Vesuviana

Campania regione a rischio – Iss: cessato il calo di incidenza settimanale

“Cessa il calo nell’incidenza settimanale, 9 per 100mila abitanti (tra il 28 giugno-4 luglio) contro 9 per 100mila abitanti (21-27 giugno). L’incidenza è sotto il valore di 50 per 100mila abitanti ogni 7 giorni in tutto il territorio. Prosegue la campagna vaccinale e l’incidenza è attualmente ad un livello che consente il contenimento dei nuovi casi”. Lo evidenzia la bozza del Report Iss-ministero della Salute sul monitoraggio settimanale con i dati relativi alla settimana 28 giugno – 4 luglio. “Nel periodo 16 giugno-29 giugno, l’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,66 (intervallo 0,62- 0,85), in lieve aumento rispetto alla settimana precedente, sebbene si mantenga sotto l’uno anche nel limite superiore. La elevata proporzione di soggetti asintomatici va considerata nella lettura di queste stime di trasmissibilità”.

 TI POTREBBE INTERESSARE ANCHEA Napoli vaccini senza prenotazioni per tutti i cittadini


Di La Redazione

Ti potrebbe interessare..

Altro Campania