______________________________

Musei: , parte per visitatori con . Assessore turismo: “Esperienza emozionale ma anche scientifica”

 “Questa esperienza emozionale ma anche scientifica è una azione pubblica nella dimensione dell’accoglienza, dell’apertura e dell’abbraccio, della sensibilizzazione. Il nostro servizio al cittadino ha senso se diamo un senso alle persone piùdeboli”.

Così Felice Casucci, assessore al turismo della Regione Campania, ha presentato il via dell’ nel Parco Archeologico di per visitatori con autismi e disabilità cognitive e di una piattaforma per le visite a distanza, che ha consentito di proseguire le attività anche nel periodo di chiusura dei musei. Il progetto “Un tuffo nel blu” è stato portato ideato e realizzato da Tulipano Art con il cofinanziamento della Regione Campania e rappresenta un’esperienza unica in Italia per supportare e favorire il coinvolgimento e la partecipazione di visitatori con autismi e con disabilita’ cognitive, attraverso lo sviluppo di una specifica e di un’agenda digitale realizzata con il contributo scientifico delle universita’ di Napoli Federico II e Parthenope e con il supporto di ANGSA, associazione nazionale persone con .

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE Al via il cantiere di messa in sicurezza dell’Insula Occidentalis di Pompei

“E’ una importante iniziativa – ha commentato il Direttore Generale Musei del MiC e direttore generale avocante del Parco Archeologico di e Velia Massimo Osanna – per l’accessibilita’ a 360 gradi nei musei su cui ci siamo concentrati molto. Questo progetto e’ importante per le persone con e per le loro famiglie, ma anche per il personale del museo che deve essere sensibilizzato verso forme di accessibilita’. E’ un progetto pilota che serva da modello per altri luoghi di cultura diventando una best practice che si possa espandere”.

L’ex direttore di Paestum, ora a Pompei, Gabriel Zuchtriegel aveva avviato il progetto e oggi sottolinea “che lo abbiamo subito ripreso – spiega – dopo la fine del primo lockdown il 18 maggio scorso, sapendo che i giovani con autismo hanno sofferto molto della fase di isolamento”.

Un aspetto particolarmente rilevante del progetto è la possibilità di costruire un percorso di visita coinvolgente e stimolante, allo stesso tempo, sia per visitatori con autismi e disabilità cognitive, che per normodotati, offrendo un’occasione di promozione dell’inclusione sociale di ragazzi con autismi e disabilità cognitive durante le visite didattiche o di famiglie. Parte da Paestum ma il primo sito a cui sarà allargato è Velia.

Velia

Velia_foto di repertorio

“E’ un’esperienza – sottolinea ancora Casucci – che potrà essere realizzata anche in altri siti della regione e che, attraverso un utilizzo efficace e originale delle nuove tecnologie, consente di offrire a turisti e visitatori una Campania sempre più accogliente e inclusiva che sposa un’idea di turismo su misura per le persone”.

Un progetto che spiega il coordinatore di Il Tulipano Art Giovanni Minucci: “punta a creare un modello di accoglienza e di supporto, scientificamente validato, che consenta di monitorare e valutare il livello di benessere e il beneficio derivanti dalla fruizione di un’opera artistica, piu’ precisamente la percezione della partecipazione da parte delle persone affette da autismo in modo inclusivo e interattivo con le loro famiglie, le scuole e lo staff qualificato coinvolto”.



Cronache Tv




Ti potrebbe interessare..