Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Economia

6 cose su Bitcoin Circuit che ancora non sai

Pubblicato

in



I motivi per i quali conviene iniziare a utilizzare sono davvero tanti. Prima di iscriversi sul sito di Bitcoin Circuit, in ogni caso, può essere utile conoscere le caratteristiche più importanti di questo software per il trading automatico, grazie a cui in teoria si può riuscire a guadagnare senza troppa fatica.

Qual è l’impegno richiesto

Le persone che sono iscritte a Bitcoin Circuit non dedicano a questo programma più di una ventina di minuti al giorno, ma in molti casi anche meno. Questo è possibile per il semplice motivo che le varie operazioni di investimento vengono eseguite dal sistema in modo automatico, e quindi non c’è bisogno di supervisione o di controllo umano. Insomma, per il titolare di un account il lavoro da svolgere è davvero ridotto al minimo. Per altro, i profitti sono teoricamente illimitati, e non c’è una soglia massima di denaro che si possa guadagnare. C’è perfino chi in un paio di mesi è riuscito a incassare un milione di euro.

Bitcoin Circuit e il marketing di affiliazione

Bitcoin Circuit è una realtà molto diversa rispetto al marketing di affiliazione, con il quale ha poco in comune. Chi teme di ritrovarsi alle prese con un sistema piramidale, con uno schema Ponzi o comunque con il multi-level marketing non ha niente di cui preoccuparsi. Il segreto del successo di questo software è rappresentato da un innovativo algoritmo che ha la capacità di vincere le contrattazioni in virtù di un tasso di precisione superiore al 99%.

Quanto si paga

Una delle caratteristiche più interessanti di Bitcoin Circuit è la gratuità: il servizio può essere usato senza che venga richiesto il pagamento di un solo centesimo di euro. Quel che più conta, inoltre, è che non ci sono commissioni, né palesi né mascherate, neppure per i broker. Questo vuol dire che tutto il denaro che viene guadagnato può essere prelevato in caso di necessità quando si vuole, senza che ci si ritrovi a dover fare i conti con una brutta sorpresa per un ammanco non previsto.

Come ci si iscrive

La procedura da seguire è quanto di più semplice si possa immaginare. Chi vuole diventare socio non deve fare altro che compilare il form che si trova nella home page del sito di Bitcoin Circuit. Una volta che la procedura di registrazione è stata completata ed è andata a buon fine, si riceve una comunicazione di conferma e si diventa soci in maniera ufficiale di Bitcoin Circuit, così da poter entrare in possesso gratuitamente di una copia del software. Da quel momento in avanti si inizierà a guadagnare, con un incasso medio superiore ai mille euro al giorno. Come si può facilmente intuire, comunque, l’entità dei profitti varia in base alla cifra che si è disposti a investire.

Il deposito minimo

È ovvio che per cominciare c’è bisogno di capitale. La somma minima richiesta per il primo versamento è molto bassa, pari ad appena 250 euro. Questo non vuol dire che non si possa depositare di più: quello che conta è avere ben chiaro qual è il budget che si può dedicare a questa attività, per non correre il rischio di sottrarre una quantità eccessiva di capitale alle proprie esigenze quotidiane e alle spese della vita di tutti i giorni.

Che cosa fare prima di cominciare a investire

Abbiamo estratto tutte le informazioni che avete letto qui sopra dal sito di Bitcoin Circuit. Questo programma ha tutte le caratteristiche per risultare interessante e degno di attenzione, ma questo non vuol dire che si possa iniziare a investire senza criterio. Al contrario, conviene sempre avere l’accortezza di mettersi in cerca sul web delle opinioni di chi ha già avuto l’occasione di usare Bitcoin Circuit. Inoltre, un suggerimento sempre valido è quello di investire il proprio denaro solo quando si ha la certezza di essere preparati, competenti e sicuri in materia di trading.

Continua a leggere
Pubblicità

Economia

Investire sulle azioni Amazon: conviene? E come funziona?

Pubblicato

in

Nei mesi primaverili abbiamo vissuto a livello collettivo uno dei momenti più duri degli ultimi 50 anni, per via dell’emergenza Covid 19, che ci ha costretto a stare casa per più di due mesi e che ci ha messo a dura prova sotto tutti punti di vista: economico, fisico e mentale.

Ma come ogni crisi, e questa ancora non è finita, anche questa relativa al Covid 19 ci ha insegnato tante cose, ci ha fatto intuire varie possibilità e soprattutto ci ha suggerito a cosa dobbiamo prepararci per i prossimi anni.

Una delle cose che abbiamo capito, e sulle quali riteniamo non si possono avere dubbi, è relativa al mondo degli e commerce e degli acquisti on line, che si sono rivelati fondamentali per tutti noi e in particolare Amazon si è confermato un colosso, nonostante tutte le contraddizioni, sotto tutti gli aspetti.

Una notizia di poco tempo fa riguarda le tante assunzioni che Amazon ha deciso di fare in America e che conferma la sua espansione: sulla base di questo assunto in questo articolo vogliamo spiegare perché puntare sulle azioni di questo colosso può rivelarsi un’ottima idea e vedremo l’importanza di trovare investimenti più remunerativi, specie in questo momento storico che è anche dal punto di vista economico è decisamente complesso.

Iniziamo con il dire che il titolo Amazon è quotato in Borsa ed è uno di quelli che ha ottenuto tantissimi risultati positivi negli ultimi decenni. Gli esperti dei mercati finanziari quindi hanno messo Amazon tra gli investimenti più convenienti insieme a Netflix e a Disney.

Non dimentichiamo che prima di investire su un’azienda e su una realtà è molto importante informarsi su di essa, sulla sua storia, sui suoi risultati e sulla sua affidabilità.

Amazon: storia e punti di forza

Questa importante realtà ha inizio nel 1994 da un’intuizione e idea del bravissimo e abile Jeff Bezos che aveva deciso nel suo piccolo garage di creare un ricco e commerce pieno di libri e che aveva scopo di offrire ai suoi clienti una scelta molto più vasta di una normale libreria.

L’obiettivo fu raggiunto in breve tempo e nel corso degli anni la sua offerta si è arricchita moltissimo, andando a coprire tantissime categorie quali la tecnologia, gioielli, abbigliamento, prodotti per la casa e tanto altro.

La sua importanza si è allargata a dismisura fino a farla diventare l’azienda nel mondo ad offrire il numero più alto di prodotti; inoltre è anche entrata in maniera prepotente dell’intrattenimento digitale grazie ad Amazon Prime, canale streaming pieno di contenuti e che viene proposto ai clienti a prezzi bassi e convenienti.

Tra i punti di forza abbiamo la semplicità dell’utilizzo; infatti bastano pochi click per concludere un acquisto e inoltre il servizio clienti è molto rapido, efficace e si pone in maniera molto positiva con i clienti che hanno bisogno di supporto.

Inoltre la diversificazione dei ricavi, il buon fatturato e i tanti clienti fanno di essa un’azienda stabile e sulla quale puntare. Unico punto debole è lo scarso successo in Asia, forse dovuto alla concorrenza di colossi quali Wish e Alibaba ,ma comunque ad oggi possiamo dire che le azioni di Amazon sono quotate circa 200 volte gli utili.

Comprare azioni Amazon: i consigli

Innanzitutto ricordiamo che Amazon è stata quotata in borsa nel 1995 e nei primi 10 anni il valore delle sue azioni si è triplicato:le due ondate di successo si sono verificate tra il 2009 e il 2015 e poi fino ad oggi e teniamo presente che dai 40 dollari iniziali le azioni sono arrivate a circa 300 dollari.

Ci sono due modi per comprare o vendere le azioni amazon:

  • Iscriversi in una piattaforma di trading legale e certificata
  • Usufruire dei servizi di trading offerti dalle banche o dalle poste o affidare a loro il compito di operare per noi

Secondo gli esperti la prima soluzione è la più consigliabile e positiva perché spesso le piattaforme non chiedono costi agli utenti per la vendita o l’acquisto di azioni o comunque i prezzi sono molto bassi. Invece nel caso in cui ci si affidi a un istituto bancario bisognerà valutare i costi, anche se il vantaggio sarà che si perderà meno tempo e non ci sarà bisogno di formarsi.

Continua a leggere



Dalla Rete

Qual è la lista dei migliori broker del Forex?

Pubblicato

in

forex

Il settore del trading online è complesso ma ricco di opportunità di guadagno, se si ha la costanza di studiare, impegnarsi e scegliere gli strumenti giusti per investire il proprio denaro. A tal proposito la piattaforma di trading, anche definita broker, è lo strumento principale da utilizzare per cui il primo obiettivo è quello di sapere qual è la lista dei migliori broker del Forex. Ecco allora qualche suggerimento utile.

Qual è la lista dei migliori broker del Forex?

La scelta del broker online da utilizzare per fare trading è fondamentale perché questa scelta si ripercuoterà sull’intera esperienza di trading. Un buon broker, infatti, ti consente di poter investire in modo semplice su diversi asset e soprattutto di non avere problemi quando, dopo i primi investimenti di successo, arriverà il momento di prelevare i propri guadagni. Per questo motivo, prima di scegliere il nominativo preferito dalla lista dei migliori broker di Forex è importante, ovviamente, avere a propria disposizione un elenco dettagliato che possa indicare nello specifico qual è la lista dei migliori broker di Forex (https://www.e-investimenti.com/migliori-broker-forex/),  indicando solo nominativi attentamente verificati e tutti dotati di autorizzazione all’attività. Troppo spesso, infatti, intermediari non autorizzati si spacciano per realtà serie e competenti, salvo poi lasciare i clienti in grandi difficoltà quando si tratta effettuare le attività consuete che una piattaforma dovrebbe consentire.

Quali caratteristiche deve avere un buon broker del Forex

Una volta che si è entrati in possesso della lista dei migliori broker di Forex, è indispensabile valutarne uno per uno così da riuscire a trovare quello più in linea con le proprie necessità. Ci sono alcune caratteristiche che sono fondamentali e che non possono essere trascurate. Fra queste è già stata sottolineata l’importanza di verificare il possesso della licenza da affiancare ad un confronto dei tassi di spread e dell’importo delle commissioni, due voci che possono erodere il guadagno. Pure la presenza di un servizio clienti sempre attivo e disponibile, magari in lingua italiana, rappresenta un plus che può far scegliere un broker piuttosto che un altro. L’intuitività nell’utilizzo della piattaforma, soprattutto per chi è alle prime armi, è un altro elemento che consente ad una piattaforma online di classificarsi nelle prime posizioni della lista dei migliori broker di Forex così come un’ampia varietà di metodi di versamento e di prelievo che rendono più semplice le attività di trading. Un ultimo elemento molto importante da valutare è l’offerta formativa che ogni piattaforma deve offrire così come la possibilità di allenarsi con un conto demo prima di iniziare ad investire con denaro reale.

I differenti tipi di piattaforme di trading online

Sempre in tema di valutazione della lista dei migliori broker di Forex, un elemento discriminante che può far propendere la scelta per un attore piuttosto che un altro è rappresentato dalla piattaforma di trading. Si tratta, in pratica, dell’interfaccia che ogni operatore utilizza per consentire ai propri clienti di fare investimenti online. Sostanzialmente se ne individuano tre tipi differenti: quelle web-based, che sono completamente integrate nel sito del broker e possono essere utilizzate semplicemente collegandosi online; quelle scaricabili che prevedono l’installazione di un software specifico su un pc oppure un tablet; infine quelle mobile che si utilizzano attraverso un’app dello smartphone. Alcuni broker possono sfruttare più piattaforme completamente e sono quelli che, nella lista dei migliori broker di Forex, si caratterizzano per essere particolarmente attenti alle esigenze del cliente.

Continua a leggere



Le Notizie più lette

Come disattivare il blocco della pubblicita per Cronache della Campania?