Due in flagranza di reato, 19 a piede libero e il sequestro di 36 chili di oro, in forma di lingotti o di sterline da investimento, di 660.000 euro in contanti e di 5 autovetture.

E’ il bilancio dell’indagine ‘Panni sporchi’ condotta dalla Guardia di Finanza di Como che ha riguardato il settore del transnazionale di valuta, fenomeno che caratterizza la provincia comasca che non solo è situata sul confine con la , ma si colloca anche a metà strada del crocevia finanziario che collega Lugano a Milano.

Non più pesanti bricolle trasportate da contrabbandieri lungo gli impervi sentieri nei boschi di confine, dunque, ma comode auto cariche di oro e valuta, nascosti in ben occultati doppifondi, guidate da moderni ‘spalloni’ che corrono lungo la tratta autostradale che unisce i due capoluoghi. In realtà, i flussi finanziari che passano da Como si diramano poi per l’intera Italia. Come nell’episodio che ha portato all’arresto, in flagranza, di due degli indagati quando questi vennero sorpresi dai militari presso l’uscita del casello autostradale di Brescia nell’atto di scambiarsi un pacco di banconote: 138.500 euro consegnati da un imprenditore lombardo ad uno spallone perchè li trasferisse in .

Ed è proprio sui patrimoni di rientro dalla che si sono concentrate le indagini delle Fiamme Gialle lariane che non solo hanno effettuato e sequestri a carico di chi è rientrato in Italia senza effettuare le previste dichiarazioni in Dogana, ma che hanno anche approfondito le modalità con le quali i destinatari finali di queste provviste finanziarie hanno costituito il loro tesoretto all’estero non dichiarandolo al Fisco. Per questa ragione sono state segnalate, per gli opportuni approfondimenti fiscali, ai Reparti delle province di Parma, Napoli, Genova e Trento, le posizioni di coloro che detenevano illecitamente denaro in . I vertici del sodalizio, in concreto, gestiscono oltreconfine intermediari finanziari – nella forma per lo più di società fiduciarie o di cambiavalute – curando, su esplicita richiesta del cliente finale, il flusso finanziario, infatti, dalla all’Italia, provvedono dapprima alla monetizzazione dei flussi finanziari esteri e, successivamente, al trasferimento dei fondi mediante spalloni dall’Italia alla Svizzera, provvedendo al ritiro del contante in Italia, al trasferimento oltreconfine e quindi al versamento in appositi conti correnti, accesi presso specifiche Banche elvetiche, oppure al deposito in cassette di sicurezza “anonime” dislocate non solo all’interno di Istituti di credito ma anche presso uffici cambio.



Cronache Tv



Altro Cronaca

Ti potrebbe interessare..