L’incontro, tra Dario Vassallo – fratello del sindaco pescatore, ucciso 9 anni fa a Pollica – e i vertici nazionali del Partito democratico, rappresentato da Stefano Vaccari e Marco Miccoli, è durato un’ora. Sessanta minuti durate i quali Dario Vassallo ha “aperto” il libro e spiegato il suo astio nei confronti di Franco Alfieri e Vincenzo De Luca.
«Non sapevano – racconta Dario Vassallo dopo il faccia a faccia – tanti particolari, a partire che Alfieri ha inaugurato la sua campagna elettorale al lido Kennedy, che è sotto interdittiva antimafia, che il 29 giugno ha festeggiato sempre sullo stesso stabilimento la sua elezione a sindaco di Capaccio-Paestum. E che la compagna del proprietario del lido è capogruppo al Comune».Da qui la richiesta di Vassallo di togliere il nome del sindaco pescatore dai circoli Pd in Campania. «Ho spiegato – sottolinea Dario Vassallo – le nostre ragioni, che la politica che fanno Alfieri e De Luca in Campania non è la stessa fatta da Angelo Vassallo. Quindi noi ci dissociamo e pertanto le nostre richiesta di cassare il nome di Angelo dai circoli Pd della Campania è più che legittima, dal nostro punto di vista». In pratica Dario Vassallo, anche se non lo dice esplicitamente, invita il Pd a dissociarsi proprio da De Luca e Alfieri.
Il Pd, invece, non fa minimamente accenno a questo particolare e sposta il tiro sulle indagini per assicurare alla giustizia l’esecutore materiale e i mandanti dell’omicidio Vassallo.

LEGGI ANCHE  Noleggiare un furgoncino per piccoli traslochi
ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Neonato di Sant’Antimo muore in una clinica di Aversa: aperta un’inchiesta

Notizia precedente

Dissequestrata la spiaggia del Jova Beach Party. Concerto salvo

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..