A cosa serve la riclassificazione di bilancio?

Per  ottenere i migliori elementi informativi dalla lettura del conto economico e dello stato patrimoniale di un’azienda, è necessario effettuare una corretta riclassificazione dei dati civilistici, utile per poter far emergere i più emblematici valori di natura gestionale e finanziaria. Ma come ottenere una buona riclassificazione di bilancio? E come viene effettuata?

Come risulta essere facilmente immaginabile, il passo fondamentale per poter realizzare una buona lavorazione in tale ottica consiste nel munirsi di un buon software riclassificazione bilancio, ovvero di un programma informatico che permetta di rielaborare gli schemi e i documenti informativi civilistici, in un nuovo ordine che migliori la lettura da parte dell’analista di bilancio.

Un buon software per la riclassificazione del bilancio deve pertanto consentire una migliore osservazione dell’evoluzione dell’azienda sotto il profilo gestionale e finanziario, rendere omogenei i dati per poter garantire una più agevole attività di verifica nel tempo (ovvero, tra diversi esercizi della stessa azienda) e nello spazio (ovvero, tra riclassificazioni di bilancio di più aziende, prevalentemente concorrenti e comunque appartenenti allo stesso settore), ricostruire le grandezze più indicative in ottica gestionale (come il margine operativo, il valore aggiunto, e così via) e infine separare gli elementi che riguardano la gestione caratteristica dell’azienda (il suo core business) da quelli che invece sono riferibili alle gestioni accessorie ed extra caratteristiche.

Ferma restando l’opportunità di cui sopra, non possiamo non rammentare come il miglior modo per poter compiere una solida attività di rielaborazione dei dati contabili da schemi civilistici non possa che essere quella di fruire di un buon software riclassificazione bilancio, ovvero un programma che possa non solamente importare automaticamente i dati, quanto anche effettuare le riclassificazioni dei bilanci d’esercizio annuali, infrannuali, in bozza o straordinari, o dei bilanci consolidati (di gruppo), con monitoraggio analitico e automatico di prestazioni, indicatori di prestazioni, flusso di lavoro e rilevamento dei tempi e delle attività svolte.

Un buon software per la riclassificazione del bilancio potrà inoltre garantire al suo titolare la possibilità di vantare un sistema integrato di gestione di tutte le comunicazioni, per potersi assicurare di una attività di realizzazione del fascicolo di bilancio tempestiva e versatile, con la possibilità di impostare l’anno di riferimento, visualizzando liste e tempi in base al periodo di competenza e, come abbiamo già rammentato, con l’occasione di effettuare specifici confronti spazio – temporali.

Non ultima, la possibilità di poter vantare l’uso di strumenti di previsioni e di simulazione: grazie a una serie di funzionalità integrate nel sistema è infatti possibile calcolare gli indici di bilancio in modo automatico, fare dei confronti sull’evoluzione gestionale di più aziende sulla base della redditività e della solvibilità, e fare delle previsioni effettuando delle variazioni sui dati di bilancio, in maniera tale da comprendere quale potrebbe essere il suo effetto sui conti.

Al fine di supportare anche gli utenti meno esperto, è inoltre importante che il software riclassificazione bilancio possa guidare il suo fruitore, grazie all’uso di modelli e formulari preimpostati che, pur personalizzabili, rendano ancora più snello e intuitivo il proprio lavoro.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati