Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Capri

Napoli, neve in collina: disagi nella zona ospedaliera. A Capri chiusi i bar della piazzetta

Pubblicato

in



Traffico bloccato nella zona ospedaliera di Napoli a causa della neve che sta cadendo sull’ area collinare del capoluogo partenopeo. A causa delle strade imbiancate, si registra qualche disagio per accedere alle strutture sanitarie della zona, tra cui il ‘Cardarelli’, il piu’ grande ospedale del Mezzogiorno, dove a partire dalla scorsa mezzanotte si registra un calo del 20% negli accessi al pronto soccorso. Nessun problema, invece, all’interno dell’ospedale dove dalle 21 di ieri sera – su disposizione della direzione – sono entrati in azione gli spargisale. Allo stato i vialetti dell’ospedale si presentano agibili e liberi dalla neve garantendo la normale circolazione dei mezzi di soccorso e del personale. E Burian non risparmia neanche l’isola di Capri . L’ondata di maltempo, con clima invernale e temperature rigide, ha investito anche una localita’ di mare come l’isola azzurra. La minima ha raggiunto i 2 gradi a Capri e’ stata investita stamattina da una pioggia abbondante. Bar in Piazzetta chiusi e strade deserte: un aspetto tipicamente invernale. Sulle alture dell’isola, in particolare a Monte Solaro, si segnala un leggero nevischio.

Continua a leggere
Pubblicità

Capri

Appello dei sindaci dell’isola di Capri: riaprire le scuole

Pubblicato

in

coronavirus capri

Appello dei sindaci dell’isola di Capri: riaprire le scuole

Sull’isola di Capri si puo’ consentire la didattica in presenza perche’ gli studenti non hanno bisogno di utilizzare i mezzi pubblici per raggiungere gli istituti scolastici, quindi senza alcun rischio di assembramento e di conseguente contagio da Covid. E’ quanto scrivono in una lettera indirizzata al presidente della Campania, Vincenzo De Luca, all’assessore Regionale all’Istruzione, Lucia Fortini, e al presidente ANCI Campania, Carlo Marino, i sindaci di Capri ed Anacapri, Marino Lembo e Alessandro Scoppa. La maggior parte dell’isola e’ infatti pedonale, osservano i due sindaci. L’appello dei due sindaci si chiude con la richiesta di integrare la precedente ordinanza regionale del 16 ottobre, consentendo cosi’ l’attivita’ in presenza, oltre che per le scuole dell’infanzia, gia’ autorizzate, anche per le scuole primarie e le scuole secondarie di I e II grado.

 

Continua a leggere

Le Notizie più lette