Torre del Greco, prove di evacuazione alla sede generale dell’Asl Napoli 3

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nell’ambito delle attività di prevenzione previste dalle vigenti normative in caso di rischio sismico o vulcanico, il comparto direttivo dell’ASL Napoli 3 Sud guidato dal Direttore Generale, Dr. Giuseppe Russo, ha programmato una serie di specifiche prove di evacuazione nelle proprie strutture di competenza: l’obiettivo è quello di far fronte in modo deciso, dando una risposta in maniera tempestiva ad un eventuale pericolo di rischio sismico o vulcanico.

A differenza delle prime due prove svoltesi lo scorso 28 novembre presso l’ospedale Maresca di Torre del Greco (interessato, in questo specifico caso, il reparto di medicina con il coinvolgimento di tre tipologie di pazienti: non autonomo, semi-autonomo e autonomo) ed il 30 novembre presso l’ospedale di Boscotrecase (anche in questa occasione coinvolto il solo reparto di medicina con le programmate simulazioni di evacuazione che hanno interessato tre tipologie di pazienti).

Quella che è andata in scena venerdì 1 dicembre 2023 alle ore 12:00 all’interno dell’ex presidio ‘Bottazzi’ di Torre del Greco, attuale sede generale regionale campana ASL Napoli 3 Sud, è stata un vero e proprio capolavoro di gestione operativa gestita di concerto dal Direttore Generale dr. Giuseppe Russo coadiuvato dal lavoro prezioso del Direttore del Distretto Sociosanitario dell’ex presidio Bottazzi, dr. Antonino Calorenna e dal suo Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione, dr. Michele Balia.



    Con il coinvolgimento delle strutture centrali (tra cui direzione generale, amministrativa e sanitaria, risorse umane, acquisizione beni e servizi, ufficio del personale, etc) è stata prevista e predisposta la partecipazione alla prova di evacuazione dell’intero plesso torrese, composto da circa 200 persone, a grande dimostrazione dell’impegno che la Direzione Strategica dell’ASL Napoli 3 Sud, con a capo il dr. Giuseppe Russo, ha profuso verso questa tipologia specifica di problematica, investendo in questo sistema di gestione della sicurezza.

    Una prova importante quella andata in scena, manifesto dell’interesse dell’azienda sanitaria Napoli 3 Sud verso questo tipo di emergenze che potrebbero colpire il nostro territorio.

    @riproduzione riservata




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Traffico illecito di rifiuti: arrestati funzionario della Regione Campania e 14 imprenditori

    C'è anche un funzionario della Regione Campania tra i 16 arrestati nell'inchiesta congiunta di Dia e Noe sul traffico illecito di rifiuti tra Campania e Tunisia. Le indagini sono partite da Polla, in provincia di Salerno, per poi coinvolgere i vertici della Regione Campania. Oltre ai funzionari coinvolti, diversi imprenditori del settore rifiuti sono stati posti in stato di fermo. Sono stati sequestrati beni di almeno tre aziende attive nello stoccaggio di rifiuti. L'indagine ha preso...

    Camorra, 50 anni di carcere per il racket del pane ai nuovi Lo Russo di Miano

    I nuovi capi del clan Lo Russo di Miano, accusati di estorsione aggravata, per il cosiddetto racket del pane hanno incassato 50 anni di carcere. Lee condanne hanno riguardato Salvatore Di Vaio, 48 anni, detto "Totore o' Cavallo",  Alessandro Festa, 24 anni, Cosimo Napoleone, 33 anni, Fabio Pecoraro, 26 anni, Giovanni Perfetto, 59 anni, detto "o' mostr ("il mostro", ndr) e Raffaele Petriccione, 25 anni, detto "Raffaele o' pazz" sono stati condannati a 7 an...

    Traffico illegale di rifiuti tra Campania e Tunisia: scattano gli arresti

    Un'operazione coordinata dalla Procura di Potenza ha portato alla scoperta di un traffico illegale di rifiuti speciali tra Campania e Tunisia. Circa 80 militari del gruppo Carabinieri per la tutela ambientale e la sicurezza energetica di Napoli, insieme al personale della Dia-Direzione investigativa antimafia, stanno attuando misure cautelari personali e patrimoniali nelle province di Napoli, Salerno, Potenza e Catanzaro. .

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE