Castellammare, l’ex killer arrestato nel suo ristorante premiato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Il suo ristorante Le Tre Caravelle di Castellammare di Stabia sul Lungomare era diventato un punto di riferimento per gli amanti dei piatti a base di pesce, tanto che recentemente era stato premiato per la qualità del suo cibo.

Ma il suo passato di killer, di camorrista e figlio di boss ucciso è tornato prepotentemente alla ribalta oggi dopo 18 anni. Luciano Verdoliva, 46 anni, un curriculum criminale di tutto rispetto si era trasformato in un ristoratore di successo.

Ma dall’alba di stamane ha lasciato la bella vita fatta di cavalli, cani e video social per promuovere il suo ristorante e i suoi prodotti per tornare a fare visita alle celle del carcere di Poggioreale. I carabinieri lo hanno arrestato all’interno del ristorante.

E’ lui secondo le accuse di un pentito il killer di Carmine Paolino ucciso nel marzo del 2005 a Scanzano, regno del clan D’Alessandro. L’altro è Antonio Occidente, 50 anni già in carcere da tempo.

 Carmine Paolino fu ucciso perché aveva tradito il clan D’Alessandro

A trovare il cadavere di Paolino in strada fu una passante che subito avvertì i carabinieri. Secondo quanto emerso dalle indagini, Paolino venne assassinato a causa della faida che scattò il primo giugno del 2004, tra il clan D’Alessandro e un gruppo scissionista, con l’omicidio di Giuseppe Verdoliva, autista personale del defunto boss Michele D’Alessandro, e padre di Luciano Verdoliva.

Paolino scelse di parteggiare per il gruppo scissionista facente capo agli ex cutoliani scarcerati Massimo Scarpa e Michele Omobono, che però uscì perdente da quello scontro. I D’Alessandro decisero però di punire i traditori, quindi anche Paolino, che nel frattempo era rientrato nel clan malgrado la sua partecipazione, durante la faida, all’omicidio eccellente di un elemento di spicco del clan, Antonio Martone, cognato del defunto padrino Michele D’Alessandro.

 Nel ristorante sequestrati 50 chilogrammi di prodotti ittici privi di tracciabilità

Gli investigatori non escludono, inoltre, che Luciano Verdoliva, colui che ha materialmente sparato alla vittima abbia così voluto anche vendicare il padre. Verdoliva è anche titolare di un ristorante a Castellammare di Stabia, “Le tre Caravelle” che i carabinieri del Nas hanno ispezionato dopo l’arresto, avvenuto nel locale. Sono stati sequestrati 50 kg di prodotti ittici privi di tracciabilità e comminate sanzioni per 3500 euro. Il ristorante è stato diffidato per carenze igienico sanitarie ma non chiuso.

Leggi anche



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Stop alla circolazione lungo la Cumana per ‘motivi tecnici’

A causa di "motivi tecnici", è stato temporaneamente sospeso il transito dei treni lungo una tratta della Cumana, come annunciato dall'Ente Autonomo Volturno in...

Camaldoli, ruba grate in ferro da una proprietà del Comune: arrestato

Arrestato un uomo nella zona dei Camaldoli per furto di grate in ferro di proprietà del Comune di Napoli. Gli agenti del Commissariato Arenella hanno...

Arrestato parcheggiatore abusivo a Fuorigrotta

Ieri, la Polizia di Stato ha arrestato un parcheggiatore abusivo a Fuorigrotta, a seguito della segnalazione di una persona minacciata. Gli agenti sono intervenuti in...

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

Ucciso a Lettere il boss dei narcos dei Monti Lattari: Ciro Gargiulo ‘o biondo

Pranzo con il piombo, anzi con i proiettili di fucile per il boss dei narcos dei Monti Lattari, Ciro Gargiulo detto ciruzzo o' biondo....

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE