Napoli, notte di caos nel centro storico: parcheggiatori abusivi e auto contromano

SULLO STESSO ARGOMENTO

Francesco Emilio Borrelli ha assistito a una notte di caos nel centro storico di Napoli, precisamente nelle vicinanze di piazza Bellini e piazza Dante.

Durante la serata, i parcheggiatori abusivi hanno preso il controllo delle strade, estorcendo denaro agli automobilisti senza essere disturbati. L’intervento risolutivo del deputato è avvenuto con un blitz notturno il 7 dicembre, quando Borrelli ha effettuato un sopralluogo nella zona.

Durante l’ispezione, il deputato ha affrontato una situazione di traffico paralizzato in via Bellini, causato da un’auto che percorreva la strada a tutta velocità e in contromano. Nonostante fosse chiaramente in torto, il conducente insisteva nel tentativo di procedere. Borrelli, documentando l’incidente con il suo cellulare, ha provocato il guidatore a fare retromarcia, ricevendo nel frattempo insulti per aver disturbato l’azione illegale.



    Cittadini preoccupati hanno segnalato al deputato un’altra violazione in via Broggia, dove un’autobus dell’ANM è stato bloccato da una sosta selvaggia. Borrelli ha espresso profonda preoccupazione riguardo al caos imperante nel centro storico di Napoli, sottolineando la necessità di un intervento deciso per contrastare l’anarchia dilagante.

    Ha proposto l’istituzione di presidi costanti delle forze dell’ordine per ripristinare l’ordine, citando l’esempio positivo del presidio attivato a piazza Dante che ha contribuito a fermare le scorribande di giovani criminali in sella agli scooter.

    Borrelli ha concluso dichiarando che la situazione è diventata insostenibile e richiede un rimedio tempestivo. La sua testimonianza è stata resa pubblica dopo il sopralluogo notturno del 7 dicembre 2023.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Ufo avvistati a Savona e Loano: l’ufologo Maggioni ipotizza origine extraterrestre

    Nei cieli di Savona e Loano sono stati segnalati diversi avvistamenti di oggetti volanti non identificati (Ufo). I testimoni raccontano di aver visto sfere luminose, sia di giorno che di notte, alcune delle quali riprese in video. L'ufologo Angelo Maggioni, fondatore dell'associazione Aria, esclude spiegazioni convenzionali come aerei, droni o fenomeni naturali. Secondo Maggioni, alcuni degli oggetti avvistati potrebbero essere sfere metalliche grigie in grado di assorbire la luce solare e di muoversi silenziosamente grazie ad una...

    Bambina napoletana uccisa da una statua in Germania: Procura di Monaco archivia il caso

    La Procura di Monaco di Baviera ha archiviato il procedimento relativo alla tragica morte della piccola Lavinia Trematerra, la bambina napoletana di 7 anni, rimasta uccisa per la caduta di una statua in un hotel bavarese nell'agosto del 2022. Secondo quanto riportato da una portavoce della procura, non è stata riscontrata alcuna violazione dell'obbligo di diligenza o mancanza di misure di sicurezza necessarie. La decisione di archiviare il caso è stata presa in seguito alla conclusione...

    Premio Mia Martini: 30 anni di Musica e Talent

    Le fasi organizzative per la trentesima edizione del Premio Mia Martini sono state ufficialmente avviate. Confermati per questa celebrazione il direttore artistico Franco Fasano e il presidente della commissione artistica Mario Rosini, entrambi riconosciuti nel panorama della Musica Italiana. Anche quest'anno, il Premio accoglierà grandi nomi della musica nazionale e internazionale tra gli ospiti dell'evento, consolidando la sua fama nel settore. Per partecipare alle audizioni, i giovani talenti italiani e stranieri possono inviare le proprie...

    Napoli, il video di sfida allo Stato costa caro a Giusy Valda: arrestata

    Due video: due sfide allo Stato. Pur sapendo di non poterlo fare. Era agli arresti domiciliari e da oggi pomeriggio potrà sfoggiare il suo...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE