. Il Tribunale di Benevento, (collegio: Presidente Dott.ssa Fallarino, Giudice a latere, Dott.ssa Telaro e Dott. Nuzzo), accogliendo le tesi degli Avvocati Vittorio Fucci e Cosimo Servodio, ha annullato il sequestro delle 2 officine meccatroniche (meccaniche) di Antonio e Carmine Fuccio, di Paolisi.

Come si ricorderà, la Guardia di Finanza, procedendo al controllo delle 2 officine, site in Paolisi, unitamente a funzionari dell’Arpac, il 15 settembre, procedeva al sequestro dell’edificio adibito ad officine, di 2 autoveicoli e di una pluralità di macchinari e pezzi di ricambio per autovetture, nonché di oli e filtri esausti e di pezzi di lastre di onduline in fibrocemento, ritenendo l’intero materiale sottoposto a sequestro fortemente inquinante ed in violazione delle norme penali di tutela dell’ambiente e della salute.

LEGGI ANCHE  Scafati grave bimbo di 4 anni: scontro tra 2 scooter
ADS

Pertanto con i sequestri posti in essere, i fratelli Fuccio venivano denunciati a piede libero.

Il Tribunale di Benevento, Sez. Misure Cautelari Reali, invece, accogliendo le argomentazioni dei difensori, accompagnate da una consulenza e ad una notevole produzione documentale, ha annullato i sequestri preventivi, disponendo la restituzione dei beni ad Antonio e Carmine Fuccio.



Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

Beni confiscati, oltre la metà resta ancora inutilizzato. Lo strano caso Arzano

Notizia precedente

Whirlpool Napoli, la Fiom Cgil: “Azienda ha scaricato lavoratori e governo”

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..