Seguici sui Social

Cronaca

Giugliano, arrestati 2 rapina Rolex

I carabinieri della stazione di San Marcellino hanno arrestato due persone per una rapina di un rolex a Giugliano


PUBBLICITA

Pubblicato

il

giugliano rapina rolex

Nelle mattinata odierna, in Napoli e Giugliano in Campania, i Carabinieri della Stazione di San Marcellino, nell’ambito di una articolata indagine coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Napoli Nord, hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione della “misura cautelare in carcere e degli arresti domiciliari-, emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Napoli Nord, su richiesta della Procura della Repubblica presso il medesimo Tribunale, a carico di due individui, entrambi originari della provincia di Napoli, gravemente indiziati per “rapina in concorso aggravata dall’uso dell’arma”.

Il provvedimento cautelare, nel ricostruire le fasi della rapina eseguita dai due rapinatori, attribuiva rilievo agli esiti della comparazione svolta dai carabinieri circa i dettagli relativi all’abbigliamento, all’arma ed al motoveicolo utilizzati nel corso della rapina con quelli accertati in altro episodio commesso il 10 dicembre 2019 dagli stessi individui tratti in arresto in flagranza.

LEGGI ANCHE  Coronavirus, Campania al secondo posto in Italia per contagi: oggi sono 249

L’analisi dei tabulati telefonici delle utenze cellulari dei rapinatori e la visione delle riprese delle telecamere posizionate nel luogo della rapina, infatti, hanno consentito di accertare che gli indagati, entrambi con precedenti, lo scorso 7 dicembre 2019 a San Marcellino, a bordo di uno scooter, dopo essersi avvicinati ad un veicolo in sosta condotto da un individuo del luogo, avevano mandato in frantumi il vetro anteriore sinistro del veicolo con il calcio della pistola impossessandosi di un orologio Rolex strappato dal polso dell’automobilista.

Ad entrambi gli indagati è stata contestata anche l’aggravante dell’uso dell’arma posto che, sebbene si trattasse di un’arma giocattolo, fosse priva di tappo rosso per cui assimilabile ad una vera e percepita come tale dalla vittima.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Vesuvio, 3 incendi in poche ore a Somma Vesuviana

Il sindaco di Somma Vesuviana, Salvatore Di Sarno, ha fatto evacuare due aziende all’interno delle quali erano custodite alcune bombole di ossigeno.

Pubblicato

il

somma vesuviana

Tre incendi sono divampati in poche ore in diversi punti della citta’ di Somma Vesuviana.

Il sindaco, Salvatore Di Sarno, ha fatto evacuare due aziende all’interno delle quali erano custodite alcune bombole di ossigeno. Lo rende noto lo stesso Di Sarno che parla ora di “regia occulta tesa a distruggere il patrimonio naturalistico locale”. I tre incendi, dei quali uno ha costeggiato anche la linea ferroviaria Napoli-Sarno della Circumvesuviana, seguono quello divampato due giorni fa nello stesso comune, su un versante del Monte Somma, nell’area protetta del Vesuvio, ed altri nove avvenuti nella stessa settimana.

“In poche ore tre incendi in tre punti diversi del paese – ha detto Di Sarno – Non puo’ essere una casualita’. C’e’ una regia occulta che vuole distruggere il patrimonio boschivo del paese. Chiedo ai cittadini di restare con le finestre chiuse almeno per qualche ora. E’ il momento dell’unita’ dinanzi a questo attacco. Siamo a ben 13 incendi in una settimana. Somma e’ presa d’assalto da piromani perche’ non credo sia normale quanto stia accadendo. Dobbiamo tenere gli occhi aperti e non e’ escluso che possano esserci rifiuti bruciati come la plastica. Stiamo facendo tutti i sopralluoghi ed abbiamo dovuto evacuare anche due aziende che erano in possesso di bombole di ossigeno nei pressi delle aree colpite da incendi.

Le fiamme in alcuni casi sono arrivate sulla strada e non distanti dalle abitazioni. A Rione Trieste la parte colpita era proprio nella zona centrale del quartiere. In questo momento gli incendi sono in corso ancora. Per quanto riguarda la superstrada 268, coloro i quali giungono da Angri devono uscire a Somma – Cupa di Nola, mentre chi arriva da Napoli deve uscire a Somma Vesuviana – Via Pomigliano. Sui luoghi ci sono Vigili del Fuoco, Vigili Urbani, Protezione Civile, SMA”.

Continua a leggere
longobardi logo