Napoli, a caccia di palladio dalle auto in sosta: arrestati

SULLO STESSO ARGOMENTO

 Erano partiti di notte dall’area flegrea per arrivare nella zona del Centro Direzionale a Napoli per rubare catalizzatori dalle auto in sosta.

In due erano alla ricerca del palladio ma sono stati arrestati dai Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli. A Poggioreale infatti i militari della locale stazione hanno arrestato per furto aggravato in concorso Raffaele Mele, 44enne di Monte di Procida e Pietro Erbastro, 52enne di Pozzuoli. Sono entrambi già noti alle forze dell’ordine per reati specifici.

carabinieri napoli
carabinieri napoli

I militari hanno sorpreso i 2 in via Taddeo da Sessa. Avevano tolto il catalizzatore da un’utilitaria in sosta. I Carabinieri li hanno bloccati ed arrestati.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: A Melito il doppio pizzo: ai vigili infedeli e al clan Amato Pagano

    Erbastro e Mele sono stati sottoposti agli arresti domiciliari in attesa di giudizio. Il pezzo rubato è stato restituito al legittimo proprietario che ora dovrà anche pagare un meccanico per sistemare l’auto






    LEGGI ANCHE

    Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

    La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

    Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

    Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

    Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

    Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE