francesca-re david



Napoli, Re David: ‘Lotta fin quando non ci sarà soluzione’

“Voglio ringraziare le lavoratrici e i lavoratori di per la tenacia che hanno dimostrato in questi due anni di vertenza e di lotta contro l’arroganza della multinazionale, insieme al sostegno del sindacato nazionale e locale”. E’ quanto ha affermato Francesca Re David, segretaria generale Fiom-Cgil, intervenendo nel corso dell’iniziativa organizzata dal Cral Whirlpool di a due anni dall’inizio delle vertenza.

“Quella di Whirlpool – ha precisato Re David – e’ una vertenza emblematica per tutto il Paese e in particolare per il Sud. Le multinazionali non possono pensare di prendere le risorse pubbliche e poi andarsene chiudendo gli stabilimenti in Italia, sulla base di scelte che nulla hanno a che vedere con la qualita’ delle produzioni e con l’andamento di mercato”.

LEGGI ANCHE  Il M5S: “Mai più casi Whirlpool in Campania grazie alla mia legge contro le delocalizzazioni”
ADS

“Le risorse che verranno date alle imprese attraverso il PNRR – secondo la leader della Fiom – devono essere vincolate, non ci puo’ essere nessun piano di resilienza che non parta dalla tutela del lavoro e dalla valorizzazione della fabbriche. Nel Mezzogiorno le imprese nella gran parte stanno li’ grazie a investimenti pubblici, come nel caso di Whirlpool. E’ grazie alle lavoratrici e ai lavoratori se lo stabilimento di e’ ancora aperto. Al Governo chiediamo di individuare una soluzione per valorizzare le professionalita’ e competenze delle lavoratrici e dei lavoratori, richiamando alle proprie responsabilita’”.

“L’elettrodomestico – ha concluso Re David – e’ un asset strategico nel nostro Paese. I lavoratori continueranno a stare insieme e a mobilitarsi fino a quando non ci sara’ una soluzione per lo stabilimento di NAPOLI”.



Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

Napoli, Bassolino: “Resto candidato sindaco con convinzione”

Notizia precedente

Napoli: raffica di controlli in centro, 31 denunce e 52 sanzioni

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..