🔴 ULTIME NOTIZIE :

google news

Caserta, guardia giurata muore per Covid: avviata raccolta fondi

Un collega di Massimiliano Formato di Sparanise in provincia di Caserta avvia una raccolta fondi per aiutare la famiglia: "Settantamila guardie giurate rischiano ogni giorno e non sono vaccinate"

    Caserta. Guardia giurata muore per Covid a 51 anni: i colleghi lanciano una raccolta fondi per la famiglia.

    Massimiliano Formato viveva a Sparanise, in provincia di Caserta, è morto di Covid lo scorso 7 aprile, a 51 anni, lasciando una moglie e due figli di 16 e 18 anni.

    Lavorava come guardia giurata e proprio un suo collega e amico, Christian Magliulo, ha lanciato su GoFundMe una raccolta fondi in aiuto della famiglia, che sta affrontando, oltre al lutto, anche i problemi di salute della moglie di Massimiliano, anch’ella positiva al coronavirus.

    “Pensi che è forte, è grande, ce la farà, e invece nel silenzio assordante di tutto e di tutti si aggrava sempre di più fino a morire in pochi giorni”, scrive Christian in ricordo dell’amico.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, guardia giurata morta per covid nella notte

    Poi aggiunge: “Come me 70mila guardie giurate ogni giorno contribuiscono a garantire la sicurezza del nostro amato Paese. In questi periodi – prosegue – ci troverai anche fuori ai triage a misurare la temperatura o semplicemente a far rispettare la fila mentre gli altri si vaccinano, ma noi essenziali per tutti e presenti ovunque non siamo ancora vaccinati”.

    “Lo Stato? – si chiede – Resta a guardare. Oggi non cambieremo la sorte di 70mila uomini ma di sicuro avremo la possibilità di aiutare questa famiglia con un piccolo gesto e dimostrare a tutti che anche noi siamo una grande famiglia – conclude Christian – che per il bene comune sacrifica la propria vita”.

    La campagna di donazioni per Massimiliano Formato, in quattro giorni ha superato i 3.400 euro di donazioni, grazie anche a 164 condivisioni, ed è raggiungibile al link https://it.gf.me/v/c/gfm/il-covid19-si-e-portato-via-massimo

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita