Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Campania

Parcheggiatori abusivi, cresce il numero in tutta la Campania. Tolgono le multe, usano la paletta e rigano le auto

Pubblicato

in



Parcheggiatori abusivi, cresce il numero in tutta la . Tolgono le multe, usano la paletta e rigano le auto. Europa Verde: “Decine e decine di segnalazioni al giorno, se non mettiamo un freno diventeranno padroni delle città. ” IL DOSSIER

“I parcheggiatori abusivi, ora più che mai, stanno completamente assaltando Napoli e la provincia., ma è un fenomeno che interessa tutta la . Ogni giorno ci arrivano decine e decine di segnalazioni da tutta la regione. Un’invasione da parte di questi criminali che si stanno impadronendo di intere città. Sono violenti, criminali. Rigano le auto, bucano ruote. Arrivano a togliere le multe e ad usare la paletta, come ci hanno segnalato. A Macerata (Caserta), infatti, un cittadino ci ha segnalato uno di questi estorsori della sosta che, con una paletta, dava indicazioni di parcheggio agli automobilisti. A via Del Sole, come già denunciato una settimana fa, uno di questi criminali toglie le multe dei vigili e i cittadini sono costretti a pagare una sanzione di cui non sanno nemmeno l’esistenza. All’ospedale del Mare gli abusivi ormai sono di casa, stesso fenomeno che si ripete in tante strutture sanitarie, come ad esempio l’ospedale Apicella di Pollena Trocchia. A via Carriera Grande addirittura ce ne sarebbero tre, che fanno il bello e il cattivo tempo della zona ci hanno raccontato i residenti, così come a via Vicinale Santa Maria del Pianto. A piazza Cavour uno di questi soggetti si è addirittura organizzato con tanto di sediolina per trascorrere comodamente la giornata di ‘lavoro’.  A Corso Merdionale, ci ha detto un cittadino, c’è un parcheggiatore che con fare aggressivo si apposta all’ingresso laterale della stazione centrale. Sono ovunque e sempre più pericolosi. Ricordiamo bene tutti il caso di piazza Bellini, dove un’auto di una ragazza è stata rigata dappertutto”. Lo ha detto Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale di Europa Verde.

“ E’ necessario e urgente – ha aggiunto Borrelli – porre un freno a questo fenomeno ormai radicato, purtroppo nella nostra cultura. In troppo vedono il parcheggiatore come un normale mestiere, quando invece questi soggetti sono criminali che vivono d’illegalità, spesso legati alla camorra. Sono violenti e aggressivi, altro che poveri padri di famiglia e moltissimi, come emerso delle ultime denunce, percepiscono pure il reddito di cittadinanza. Le forze dell’ordine stanno facendo un ottimo lavoro, ma serve di più. Occorrono task force mirate, controlli serrati e, soprattutto, la certezza di condanna. Sono delinquenti, come tale vanno trattati dalla legge”.

Continua a leggere
Pubblicità

Castellammare di Stabia

Da Napoli a Castellammare per rubare tabacchi: arrestato sorvegliato speciale

Pubblicato

in

Da Napoli a Castellammare per rubare tabacchi: arrestato sorvegliato speciale.

Nel pomeriggio di ieri, 26 ottobre 2020, gli Agenti del Commissariato di P.S. di Castellammare di Stabia, in esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal GIP del Tribunale di Torre Annunziata, su richiesta della Procura della Repubblica, hanno proceduto all’arresto di D.V. classe 69 di Napoli, gravemente indiziato del reato di furto aggravato perché in data 29 settembre 2020, unitamente ad altro soggetto allo stato non identificato, in via Pozzillo di Castellammare di Stabia, si impossessava di due casse di tabacchi, per un valore di circa 5000,00 euro, asportandole dall’autovettura ove erano riposte, dopo aver rotto il vetro.

Le indagini, espletate dal Commissariato di polizia di Castellammare di Stabia e coordinate dalla Procura di Torre Annunziata, grazie anche all’ausilio di sistemi di videosorveglianza, hanno consentito di identificare, in tempi rapidi, all’individuazione di uno degli autori del furto. La persona arrestata, già sottoposta alla misura di sicurezza della libertà vigilata con obbligo di firma e alla misura cautelare dell’obbligo di dimora in Napoli nonché gravata da numerose condanne per delitti contro il patrimonio ed altri reati, dopo le formalità di rito, è stata rinchiuso Casa Circondariale di Poggioreale a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

Continua a leggere

Le Notizie più lette