Seguici sui Social

Campania

Mare sempre più sporco ed inquinato nel napoletano

Pubblicato

il

mare inquinato napoli

Mare sempre più sporco ed inquinato nel napoletano, preoccupanti le condizioni sul lungomare di Napoli e di San Giovanni a Teduccio. Verdi: “Il mare limpido e cristallino dei giorni del lockdown diventa sempre più un lontano ricordo”.

Il mare limpido e cristallino dei giorni del lockdown diventa sempre più un lontano ricordo. Arrivano, infatti, al Consigliere Regionale dei Verdi Francesco Emilio Borrelli, sempre più segnalazioni che denunciano un mare sempre più sporco ed inquinato. Nelle ultime segnalazioni vengono mostrate le condizioni delle acque del lungomare di Napoli e di quello di San Giovanni a Teduccio.

“Con la fine del lockdown e con l’arrivo dell’estate si ripropongo i vecchi problemi legati al mare. Gli scarichi dei natanti, le persone che gettano via rifiuti e gli scarichi abusivi rendono il nostro mare una grossa fogna e questo è un grosso danno e fa tanta rabbia perché il mare dovrebbe essere un bene comune che andrebbe tutelato e salvaguardato e invece troppe persone continuano a scambiarlo per una fogna dove sversare di tutto. Noi non smetteremo mai di denunciare e di combattere” – sono state le parole del Consigliere Borrelli e di Gianni Caselli, consigliere del sole che ride della Municipalità I.

Continua a leggere
Pubblicità

Italia

Scontro auto-furgone tra Cassino e Caianello: ferito anche un neonato

Incidente stradale sull’autostrada A1 Milano – Napoli e chiuso il chiuso il tratto compreso tra Cassino e Caianello.

Pubblicato

il

cassino e caianello

Incidente stradale sull’autostrada A1 Milano – Napoli e chiuso il chiuso il tratto compreso tra Cassino e Caianello.

Il sinistro tra un furgone ed un’auto e’ avvenuto al km 683. Sul luogo dell’evento sono prontamente intervenuti i soccorsi sanitari e meccanici, i Vigili del Fuoco, le pattuglie della Polizia Stradale ed il personale della Direzione 6° Tronco di Cassino di Autostrade per l’Italia.

Attualmente, all’interno del tratto chiuso, il traffico e’ bloccato e si registrano 7 km di coda in direzione Napoli. Agli utenti provenienti da Roma e diretti verso Napoli, dopo l’uscita obbligatoria a Cassino, si consiglia di percorrere la S.S.6 Casilina verso Caianello dove riprendere l’autostrada verso Napoli. Nello schianto in autostrada, ferito un neonato di pochi mesi e la mamma che sono stati trasportati in ospedale in ambulanza, la coda è arrivata a 10 km

LEGGI ANCHE  Napoli, chiazze di schiuma nel mare antistante via Caracciolo

Grave incidente in A1 in direzione Napoli tra San Vittore e Caianello, all’altezza di Mignano Monte Lungo. Nell’impatto sono rimasti coinvolti un furgone ed un’auto sulla quale viaggiava una famiglia. Una donna ed un bambino di pochi mesi sono stati trasportati in ospedale in ambulanza. Sul posto anche l’elisoccorso per trasferire d’urgenza una terza persona rimasta incastrata tra le lamiere.

Continua a leggere

Campania

In Campania 735 roghi boschivi da giugno, in fumo 2mila ettari

Sono 735 gli incendi che dal 15 giugno hanno interessato il territorio della #Campania.

Pubblicato

il

campania

Campania. Sono 735 gli incendi che dal 15 giugno, data in cui è iniziato il periodo di massima pericolosità, hanno interessato il territorio della Campania.

A comunicarlo la Protezione civile regionale tracciando un bilancio di metà stagione. In totale sono stati eseguiti 1.232 interventi che hanno visto impegnate 5.294 unità specializzate tra personale della Protezione civile della Regione Campania, delle Comunità montane, di Sma Campania e dei vigili del fuoco in convenzione con la Regione oltre al volontariato delle Associazioni di protezione civile. Sono stati 106 gli interventi degli elicotteri regionali, mentre 40 volte è stato necessario richiedere il supporto dei canadair del Dipartimento nazionale di Protezione civile.

LEGGI ANCHE  Napoli, aggressione alla polizia durante una festa: 4 misure cautelari

In totale, stando alle prime stime, la superficie regionale interessata dagli incendi è di quasi 2mila ettari. Si nota un incremento degli incendi dal 19 luglio scorso: in quest’ultimo periodo la media regionale è passata dai 15 ai 30 incendi al giorno con punte anche di 44 in unico giorno. Prosegue il monitoraggio incendi con il coordinamento della Protezione civile regionale, attraverso le Sopi (Sale operative provinciali) e la Soru (Sala operativa centrale della Regione Campania).

Continua a leggere
longobardi logo