Nel corso delle festività natalizie appena trascorse il Compartimento Polizia Ferroviaria per la Campania, ha  innalzato il livello di guardia intensificando ulteriormente le misure di osservazione e vigilanza già predisposte, in ragione del maggior afflusso di viaggiatori. Sia all’interno degli scali ferroviari sia a bordo dei convogli, sono stati ulteriormente incrementati i controlli di sicurezza attuati mediante dispositivi di restringimento degli accessi in corrispondenza di varchi presidiati, attraverso i quali le pattuglie della Polfer  hanno potuto monitorare tutti i visitatori in transito nelle principali stazioni campane. Parallelamente è stata intensificata la presenza dei poliziotti della ferroviaria a bordo dei treni critici e lungo le linee ferroviarie, perlustrate non soltanto con autoveicoli di servizio, ma anche con droni. Gli sforzi preventivi si sono concentrati, in particolare, nella stazione di Centrale snodo fondamentale del traffico ferroviario nord – sud, particolarmente affollato in questi giorni di esodo festivo, e nella stazione di Salerno, interessata dall’evento “Luci d’Artista”, dove è proseguita la Task Force realizzata in sinergia con la Questura di Salerno e con Protezione Aziendale del Gruppo Ferrovie dello Stato. Nell’ambito di detta attività antiborseggio ed antiabusivismo,  diretta ad impedire che l’affollamento di visitatori potesse favorire il compimento di condotte illegali, sono stati segnalati amministrativamente 37 venditori abusivi ai quali è stata sequestrata un’ingente quantità di merce varia (accendini, calzini, ciondoli, penne, fazzoletti, alimenti e bevande) offerta in vendita abusivamente. Nel periodo dal 18 dicembre al 6 gennaio, sono stati assicurati 697 servizi di vigilanza in stazione, 147 pattuglie a bordo treno e 88 servizi antiborseggio e  lungo linea, a fronte dei quali sono stati conseguiti i seguenti risultati: 4 persone arrestate; 9.207 persone identificate; 3.948 bagagli a seguito di viaggiatori controllati; 286 treni scortati; 48 veicoli controllati; 13 persone deferite all’Autorità Giudiziaria; 62 sanzioni amministrative; 37 sequestri; 5 fotosegnalamenti; 1 minore rintracciato. In particolare, nel corso dei controlli disposti nella Stazione di Centrale, è stata arrestata per rapina impropria Roberta Aletto, napoletana pluripregiudicata, di 30 anni. La donna, dopo essersi appropriata di una cospicua quantità di alimenti – scatolette di tonno e gomme da masticare- in un supermercato presente nello scalo ferroviario, è stata dal proprietario dell’esercizio commerciale. Vistasi scoperta, nel tentativo di assicurarsi la fuga, la ladra seriale gli ha dato un morso alla mano, procurandogli graffi ed escoriazioni, ma è stata prontamente intercettata e arrestata da una pattuglia della Polfer. Sottoposta a giudizio direttissimo la ventinovenne è stata condannata a 2 mesi di reclusione. Durante servizi antiborseggio nella Stazione di Centrale, poliziotti in abiti civili, camuffati tra i turisti in partenza, hanno arrestato per furto aggravato Tarek Yacoubi, tunisino quarantaduenne pluripregiudicato. Gli agenti, insospettiti dall’atteggiamento dello straniero che si aggirava all’interno dello scalo ferroviario scrutando con insistenza i bagagli e le borse dei viaggiatori in  transito, lo hanno attenzionato a distanza, riuscendo così a coglierlo nella flagranza del furto del trolley di un viaggiatore, del quale si era appena impossessato a bordo di un treno intercity in partenza per Roma Termini. Dopo averlo bloccato gli agenti hanno avvisato il legittimo proprietario che sedeva al suo posto sul treno ed ancora non si era reso conto di essere stato derubato e gli hanno riconsegnato il bagaglio, che conteneva abbigliamento sportivo ed altri effetti personali per un valore di circa 1.000 euro, consentendogli così di proseguire serenamente il suo viaggio. Il Yacoubi, privo di documenti, è stato accompagnato presso gli Uffici del Compartimento Polizia Ferroviaria di per gli adempimenti di rito. Sottoposto ai rilievi foto dattiloscopici, a carico del medesimo sono emersi numerosi alias e precedenti di polizia per furto, rapina ed in materia di stupefacenti. L’uomo è stato sottoposto a giudizio con rito direttissimo e gli è stato comminato il divieto di dimora nel comune di Napoli. Nei giorni scorsi a Caserta, in due distinte operazioni, erano stati arrestati D. Z., diciassettenne campano, che si era reso responsabile di una rapina aggravata ai danni di un coetaneo ed A.S. pregiudicato campano, classe 1975, che a bordo di un treno regionale Napoli – Caserta aveva rapinato un minorenne egiziano, che si era di conseguenza dovuto rivolgere alle cure del personale del 118. Tredici le persone deferite in stato di libertà: 4 inottemperanti al foglio di Via obbligatorio; 1 al divieto di ritorno nel Comune di Salerno; 1 per resistenza a pubblico ufficiale.

LEGGI ANCHE  Affare Cirio a Castellammare: 9 avvisi di conclusione indagine
ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

‘Cuore colpevole’ dei Nebra. Sabato 12 gennaio alla Fonoteca di Napoli

Notizia precedente

‘La maledizione dell’acciaio’ di Oreste Ciccariello, da un’idea di Gigi&Ross

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..