🔴 ULTIME NOTIZIE :

A mia madre di Yvonne De Rosa, presentazione del libro a Napoli

Presentazione del libro venerdì 10 febbraio 2023 – ore 18:00 - al Salotto Letterario Le Zifere (Piazzetta Nilo, 7 - Napoli). Saluti dell’editore Roberto Nicolucci A discuterne con l’autrice Prof. Stefano Causa Critico d’arte e docente di Storia dell’arte moderna e contemporanea presso l’Università degli Studi Suor Orsola Benincasa di Napoli Col. a. (ter.)...

‘Nostro padre è un malato terminale, fatelo morire a casa’, l’appello dei familiari di un detenuto napoletano

“Chiediamo solo di poterlo fare morire nel suo letto con dignità come merita ogni essere […]

    “Chiediamo solo di poterlo fare morire nel suo letto con dignità come merita ogni essere umano e non in un corridoio dell’ospedale dove si trova attualmente”. Al telefono la figlia di Ciro Rigotti, detenuto e malato terminale chiede la “grazia” ai giudici del Tribunale di Napoli di poter concedere i domiciliari al padre. Ora è ricoverato nel reparto medicina d’urgenza dell’ospedale Cardarelli di Napoli da una settimana ma i medici non hanno dato speranze di vita ai familiari. Ha metastasi estese su gran parte del corpo e non è operabile. “Non possiamo neanche vederlo-spiega la figlia- perché essendo un detenuto ci spetta vederlo solo il giovedì come nei giorni del colloquio in carcere.  Chiediamo un gesto di pietà umana da parte dei giudici. Non è possibile che ci sia questo accanimento contro di lui e contro di noi. E’ una sofferenza atroce vederlo in queste condizioni e non poter portargli un po di conforto, abbracciarlo, accarezzarlo. Tanto lo sappiamo che ha pochi giorni di vita. Lanciamo un appello: fatelo morire a casa sua”. Ciro Rigotti, 62 anni, lo scorso anno è stato condannato a nove anni di carcere per spaccio di droga e per la sua appartenenza al clan dei D’Amico fraulella del rione Conocal di Ponticelli, Era stato arrestato con loro nel maxi blitz Delenda del 2016. In estate aveva accusato dei dolori ad un orecchio a cui non aveva dato peso ne lui ne i medici del carcere di Poggioreale che lo avevano visitato. A luglio la situazione è precipitata. Dopo una visita si era stabilito che aveva un “polipetto” benigno. Ma invece non era così. Il 13 luglio i medici gli avevano prenotato una Tac effettuata la scorsa settimana quando ormai il cancro aveva già fatto tutti i suoi danni. In pochi giorni Rigotti è diventato un malato terminale. E ora è ricoverato al Cardaelli. E i familiari ora chiedono di avere i domiciliari.

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Radio Marte in diretta dal 73° Festival di Sanremo, ad un passo dall’Ariston

    Eventi, interviste, dirette radio e tv. I “marziani” tornano a Sanremo per la 73° edizione del Festival, e lo racconteranno dettagliatamente con oltre 100 ore...

    Lesione alla coscia per Mbappé: out per la Champions League

    Infortunio alla coscia per l'attaccante del Psg, Kylian Mbappé, che sarà indisponibile per tre settimane e salterà dunque l'andata degli ottavi di finale di...

    L’auto di Messina Denaro ripresa due volte dalle telecamere del Comune

    Ripresa due volte in due giorni diversi: sabato 14 gennaio e poi domenica 15, cioè un giorno prima dell'arresto. La Giulietta che aveva acquistato...

    Massa Lubrense, ritrovato il piccolo Gennaro

    E' stato ritrovato il piccolo Gennaro Rotoli. Era non lontano dalla sua abitazione. Si era perso nella boscaglia. Il ritrovamento intorno alle 14,15 dopo...