La Corte di Cassazione annulla ancora una volta per l’imprenditore vesuviano accusato di essere al vertice di due organizzazioni transnazionali
Il sei aprile dello scorso anno, su richiesta della direzione distrettuale antimafia, dal giudice delle indagini preliminari presso il Tribunale di Napoli – dott. Isabella Iaselli – furono arrestate per associazione internazionale dedita al narcotraffico otto persone, gruppo che vedeva al vertice, secondo l’accusa, Luigi Bruno, incensurato imprenditore di Sant’ Anastasia, compagine che vedeva al suo interno due sottogruppi, uno napoletano ed uno salernitano.
La difesa dell’imprenditore, rappresentata dall’avvocato del Foro di Napoli, ha ostinatamente cercato di contrastare l’impianto accusatorio che poteva far leva su un numero impressionate di intercettazioni telefoniche ed ambientali e su plurimi sequestri di droga, tra cui il più imponente pari a trenta chilogrammi di cocaina, sequestro avvenuto in Turchia, precisamente ad Istanbul in data 29.04.15.
Durante il braccio di ferro tra accusa e difesa è intervenuto un colpo di scena.
La Suprema Corte di Cassazione, II sezione penale, presieduta dalla Dott.ssa Matilde Cammino e che ha visto quale relatore la dott.ssa Lucia Aielli, nonostante il Procuratore Generale dott.ssa De Masellis avesse chiesto il rigetto del ricorso, ha accolto il ricorso proposto dall’avvocato nell’interesse dell’ insospettabile imprenditore di Sant’ Anastasia, Luigi Bruno.
Le accuse erano pesantissime essendo Bruno Luigi ritenuto dalla direzione distrettuale antimafia di a capo di ben due organizzazioni internazionali dedite al narcotraffico, l’una finalizzata alla commercializzazione della cocaina, l’altra alla produzione ed alla commercializzazione delle anfetamine.
Annullato, quindi, dalla Suprema Corte per la seconda volta all’interno del medesimo procedimento penale il giudizio espresso dal Tribunale di Napoli – VIII sezione riesame – con la ordinanza emessa il 25.01.18, atteso che, in precedenza, diversa sezione della Suprema Corte, la sesta sezione, con sentenza assunta in data 21.11.17, sempre in accoglimento di ricorso proposto dall’avvocato Vannetiello aveva annullato altra ordinanza emessa a carico di Bruno Luigi in data 21.04.17 dal Tribunale di Napoli.
La recente decisione assunta dai giudici capitolini potrebbe incidere sull’importante giudizio che è chiamato ad esprimere in data 12.07.18 il Giudice dott. Vincenzo Caputo, magistrato che dovrà decidere, in sede di giudizio abbreviato, se accogliere o meno la richiesta dell’accusa di condannare l’imprenditore ad anni 19 di reclusione.
La situazione giudiziaria dell’imprenditore, nonostante il doppio risultato favorevole ottenuto in cassazione, non è certo di semplice risoluzione atteso che Bruno risulta essere stato già condannato in primo grado ad anni 22 di reclusione per l’omicidio di Annunziata Nicola, delitto avvenuto in Mugnano del Cardinale proprio nel giorno in cui la ipotizzata associazione diretta da Bruno Luigi subiva il sequestro in Turchia del carico di 30 chilogrammi di cocaina purissima.
Appare chiaro che le schermaglie tra la direzione distrettuale e la tenace difesa dell’imprenditore non sono destinate a finire a breve.

LEGGI ANCHE  Ergastolo per omicidio, arrestato il figlio del boss di Sant'Anastasia
ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Tatangelo e D’Alessio di nuovo insieme? La cantante: ‘Pronta a dare una nuova possibilità al padre di mio figlio’

Notizia precedente

Continua la rassegna ‘Brividi d’Estate 2018’ al Real Orto Botanico di Napoli

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..