Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Cronaca Giudiziaria

Camorra ad Ercolano: i boss Papale e Montella evitano l’ergastolo

Pubblicato

in



All’esito del giudizio di secondo grado, la Corte di assise di appello di Napoli – III sezione – ha inflitto rispettivamente anni 30 e 20 anni a Pietro Papale e Ciro Montella per essere stati entrambi i mandanti dell’omicidio di Giorgio Battaglia, ucciso durante la faida tra il clan Ascione- Papale da un lato ed il clan Birra dall’altro. In primo grado la direzione distrettuale antimafia aveva invocato l’ergastolo per entrambi, ma in data 09.05.16 il Giudice dell’udienza preliminare – dott. Rosa de Ruggiero – ritenne condannare all’ergastolo solo Montella, sorprendentemente assolvendo Papale in accoglimento delle argomentazioni formulate dall’avvocato Dario Vannetiello.
Ma avverso la assoluzione del boss Papale, l’accusa propose appello, impugnazione che è stata oggi condivisa dalla Corte di assise di appello, seppur la condanna inflitta al Papale è stata quella di trenta anni di reclusione, diversa da quella dell’ergastolo richiesta in primo grado dalla Procura Antimafia. Mentre venti anni di reclusione sono stati inflitti a Ciro Montella il quale, difeso dall’avvocato Giuseppe Ricciulli, è stato ritenuto meritevole delle attenuanti generiche alla luce recente confessione del delitto da lui effettuata in data 26.10.17.
Niente “fine pena mai”, quindi, per i due boss seppur condannati per omicidio con la aggravante mafiosa, ergastolo evitato anche grazie alle esclusioni, decise dalla Corte di assise di appello, sia dell’aggravante dei motivi abietti e futili inizialmente contestata, sia della clandestinità dell’arma utilizzata per l’omicidio. Indubbiamente, appare rilevante l’aver da parte dei due boss evitato l’ergastolo, atteso che in futuro potranno cumulare la pena inflitta per tale omicidio con altre condanne già divenute irrevocabili a loro carico, con il rilevante effetto che la pena totale comunque non potrà mai superare in totale gli anni 30 di reclusione.
In ogni caso, per Pietro Papale si tratta ancora di un processo tutto da giocare innanzi alla Corte di cassazione, sia perché costui non ha confessato, sia perché comunque vi sono state due decisioni difformi tra primo e secondo grado di giudizio. Ma vi è una ulteriore circostanza che di fatto fa ritenere ancora incerta la condanna inflitta a Papale. Infatti, laddove, come già invocato con fermezza e con penetranti ragioni giuridiche dall’avvocato Dario Vannetiello, verrà dalla Corte Costituzionale in futuro dichiarata la illegittimità della nuova norma, l’ art. 603 co. 3 bis del codice di procedura penale (che ha consentito, successivamente alla assoluzione dell’imputato in sede di giudizio abbreviato, alla Procura Generale di esaminare durante il giudizio di secondo grado i pentiti Gaudino Ciro, Esposito Gaetano ed Esposito Andrea), l’annullamento della sentenza di condanna di Papale appare quasi inevitabile, con conseguente definitiva assoluzione di costui.
La battaglia giuridica portata avanti dalla difesa del boss Pietro Papale continua e pare proprio non destinata a fermarsi, ove la prima, ma non l’unica, mossa dell’avvocato Dario Vannetiello sarà senz’altro quella di proporre ricorso per cassazione non appena saranno note le motivazioni della sentenza di appello. Vi è un’unica certezza: i due boss hanno evitato l’ergastolo; il resto è ancora da scrivere.

Continua a leggere
Pubblicità

Benevento e Provincia

Traffico di droga in tutta la Campania: torna in libertà il presunto narcos Giovanni Testa

Pubblicato

in

napoli corte di apello

La V Sezione della Corte di Appello di Napoli, accogliendo l’istanza dell’Avv. Vittorio Fucci, ha rimesso in libertà Giovanni Testa, di Montesarchio, di 50 anni, revocandogli la misura cautelare dell’obbligo di dimora.

Come si ricorderà, il Testa fu tratto in arresto nel novembre del 2018, su ordinanza di custodia cautelare del GIP del Tribunale di Napoli Nord, successivamente sottoposto prima alla misura degli arresti domiciliari e poi a quella dell’obbligo di dimora in Montesarchio,  perché ritenuto presuntivamente responsabile dello spaccio aggravato di diversi chili di sostanze stupefacente, in concorso con diverse altre persone, in relazione ad un traffico, di decine di chili di sostanza stupefacente, che riguardava tutte le provincie della Campania e rispetto al quale il Testa avrebbe avuto un ruolo di spicco.

Le indagini erano supportate da intercettazioni ambientali e telefoniche, da appostamenti della polizia giudiziaria e dalle sommarie informazioni di diversi testimoni. La Corte d’Appello ha ritenuto, però, di rimettere completamente in libertà il sannita Giovanni Testa.

Continua a leggere



Campania

Neonata morta a Roccapiemonte, la madre ai domiciliari in una clinica psichiatrica

Pubblicato

in

Lascia il carcere per gli arresti domiciliari da scontare in una clinica psichiatrica di Nocera Inferiore, la donna di 41 anni di Roccapiemonte accusata di aver ucciso la figlioletta appena data alla luce nell’appartamento in cui viveva con il marito in via Roma.

Il Giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Nocera Inferiore ha disposto che le condizioni della donna non sono compatibili con il regime carcerario a causa delle patologie di cui soffre. Le indagini continuano e si è in attesa, tra l’altro, di conoscere l’esame del Dna della piccola, dal momento che il marito della 41enne non è certo di essere il padre. L’uomo 47enne è indagato a piede libero.

Continua a leggere



Pubblicità

Pubblicità

DALLA HOME

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette