Esplode la macchinetta del caffè: muore insegnate in pensione

SULLO STESSO ARGOMENTO

Una tragica fatalità ha colpito la comunità di Borgetto, dove Lucia Taormina, un’insegnante in pensione di 66 anni, è deceduta dopo un’agonia di un giorno e mezzo a causa delle ustioni riportate nell’esplosione della sua moka.

L’incidente è avvenuto nella sua abitazione mentre la donna stava preparando il caffè. L’esplosione improvvisa l’ha colpita con violenza, causando ustioni di secondo e terzo grado sul 90% del suo corpo.

Soccorsa tempestivamente dal marito, la signora Taormina è stata trasportata in terapia intensiva presso l’ospedale Civico di Partinico. Le sue condizioni erano disperate e, nonostante i soccorsi medici, è purtroppo deceduta 24 ore dopo.

    L’amata Insegnante Lucia

    Lucia Taormina era conosciuta e stimata da tutta la comunità. Era stata per lungo tempo un’insegnante presso l’istituto comprensivo Privitera Polizzi, dove aveva lasciato un segno indelebile per la sua dedizione al lavoro, la sua gentilezza e la sua generosità.

    La notizia della sua scomparsa ha suscitato profondo cordoglio tra i suoi ex alunni, i colleghi e l’intera comunità scolastica. La dirigenza dell’istituto Privitera Polizzi ha espresso il proprio dolore in una nota: “Con tristezza e profondo dispiacere la comunità scolastica dell’istituto comprensivo si unisce al dolore dei familiari per la tragica scomparsa della nostra cara insegnante. Lucia era una donna straordinaria, un’insegnante appassionata e un esempio per tutti noi.”

    I funerali di Lucia Taormina si sono svolti oggi pomeriggio, 6 aprile, a Borgetto. La sua scomparsa lascia un vuoto incolmabile nel cuore di tutti coloro che l’hanno conosciuta e amata.


    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    DALLA HOME

    Napoli, agguato alle Case Nuove: arrestato Francesco Matteo

    Ieri mattina, la Polizia di Stato ha arrestato un terzo uomo nell'ambito delle indagini sull'agguato a Massimiliano. L'arrestato, Francesco Matteo, 22enne di Napoli con precedenti penali, si è consegnato spontaneamente al carcere di Poggioreale. Il 30 gennaio 2023, Massimiliano Abete fu gambizzato in via Gianbattista Manso, alle Case Nuove, durante...

    LEGGI ANCHE

    CRONACA NAPOLI