soresa
Pubblicitasoresa
LA NOTA

Rinnovato il protocollo d’intesa tra la Questura di Napoli e l’A.I.Me.Pe.

SULLO STESSO ARGOMENTO

Stamattina, il Questore di Napoli, dott. Maurizio Agricola, e la Presidente dell’ A.I.Me.Pe. – “Associazione Italiana Mediatori Penali”, dott.ssa Mariacristina Ciambrone, hanno rinnovato il protocollo d’intesa in materia di atti persecutori e violenza domestica. L’accordo di collaborazione, siglato per la prima volta nel novembre 2021, è finalizzato a far intraprendere un percorso di recupero, su base volontaria e gratuita, ai destinatari dei provvedimenti di ammonimento del Questore per atti persecutori e violenza domestica che hanno la possibilità di essere seguiti presso una delle sedi dell’A.I.Me.Pe. dove un’equipe di lavoro multidisciplinare composta da criminologi, avvocati, psicoterapeuti, educatori e mediatori li aiuterà a modificare il proprio comportamento nelle relazioni affettive attraverso l’acquisizione della consapevolezza del disvalore delle azioni commesse per limitare i casi di recidiva.

In particolare, al 31 ottobre di quest’anno, il Questore di Napoli ha emesso 141 ammonimenti, di cui 61 per atti persecutori e 80 per violenze domestiche, con una proiezione di crescita del numero totale delle misure emesse, entro il prossimo 31 dicembre, di oltre un terzo rispetto allo scorso biennio. Attualmente sui 141 soggetti ammoniti risultano recidivi solo 10 soggetti, di cui 5 già aderenti al percorso di recupero.

Il contenimento evidente delle recidive in danno delle donne vittime di violenza ed il lavoro di recupero dei soggetti ammoniti, associato alla diffida, rappresenta uno strumento centrale nel contrasto alla violenza di genere e nell’individuazione ed emersione anticipata delle condotte spia di maltrattamenti. Pertanto, il protocollo ha contribuito e concorrerà alla costruzione di un sistema di prevenzione basato su un efficace modello di rete tra tutte le istituzioni quotidianamente impegnate contro la violenza domestica o di genere.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui



LEGGI ANCHE

Ucciso a martellate e nascosto in cantina: l’assassino è un pentito

È un pentito di camorra il presunto assassino di Massimo Lodeserto, il cui cadavere è stato ritrovato questa mattina in una cantina a Torino...

IN PRIMO PIANO