Airola, giovane detenuto incendia la cella: paura in carcere

SULLO STESSO ARGOMENTO

Nella serata di ieri, presso l’Istituto Penale per Minorenni di Airola, un detenuto ha appiccato fuoco ad una cella di pernottamento, provocando disordini e paura, per motivazioni che meglio saranno accertate.

Tempestivo l’intervento della Polizia Penitenziaria che ha evitato il peggio. Sul posto sono interventi anche carabinieri, vigili del fuoco ed ambulanza. A darne notizia è Giuseppe Merola dirigente nazionale della Federazione Sindacati Autonomi CNPP che “rivendica la necessità di politiche migliorative per il personale di Polizia Penitenziaria di Airola, che operano ab illo tempore in situazioni di assoluta precarietà, dettata da diversi fattori organizzativi e logistici”.

Stamani infatti, alle ore 10.00, una delegazione nazionale della FSA CNPP effettuerà una visita sui luoghi di lavoro ad Airola, al fine di verificare le condizioni lavorative della Polizia Penitenziaria, ed incontrerà anche la nuova Direttrice insediata agli inizi di ottobre.

    “Solidarietà e vicinanza ai poliziotti penitenziari di Airola – conclude Domenico Pelliccia Segretario Generale Aggiunto Federazione Sindacati Autonomi CNPP – ma non possiamo più tollerare queste continue esposizioni a rischi pericolosi. Il Dipartimento Giustizia Minorile e di Comunità deve prendere atto di quello che sta accadendo in diverse realtà del Paese. Servono misure urgenti”.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

    Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

    Voragine a Napoli: Manfredi e Cosenza puntano il dito sulla mancata manutenzione

    "Il sistema fognario non è stato oggetto di manutenzione per moltissimi anni e questi eventi sono anche la conseguenza di questo". Il sindaco di Napoli,...

    Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

    Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE