🔴 ULTIME NOTIZIE :

Cold Case di camorra: arrestati gli assassini di Pasquale Palermo

Dopo 14 anni su disposizione della Procura antimafia di Napoli la Squadra Mobile di Napoli ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di: Vincenzo Cece   detenuto presso la Casa Circondariale di Asti e...

Carburanti, a Napoli poche code: solo 30% ‘pompe bianche’ chiuse

Viene stimata intorno all’80% la soglia dei distributori di carburante che hanno aderito in Campania […]

pompe bianche

    Viene stimata intorno all’80% la soglia dei distributori di carburante che hanno aderito in Campania allo sciopero indetto per protestare contro il decreto trasparenza varato dal Governo.

    Un dato che, però, tiene conto solo di coloro che risultano iscritti alle sigle sindacali. La percentuale si abbassa molto, invece, se si tiene conto del 40% dei 1.800 impianti attivi nella regione che non appartengono alle società petrolifere e che sono rimasti in buona parte aperti.

    A far scendere drasticamente il trend della partecipazione sono quindi le cosiddette ‘pompe bianche’, che secondo la Faib Confesercenti avrebbero aderito per il 30%.

    “Questo trend era ampiamente preventivabile già alla vigilia – ha fatto sapere il presidente regionale, Antonio Panico – è uno sciopero nato sostanzialmente per volontà di una parte dei gestori, ma si percepiva nell’aria la bassa adesione”.

    A certificare una sorta di spaccatura anche tra le diverse sigle sindacali, c’è la diversa lettura data dalla Figisc Confcommercio. “Era quello che ci aspettavamo – sottolinea il presidente campano, Gaetano La Rocca – non si ha il polso della situazione reale, perché centinaia di pompe non sono legate ai principali marchi, ma siamo in linea con i livelli nazionali e siamo soddisfatti della partecipazione”.

    Faib e Figisc concordano invece sulla situazione che si è verificata ai distributori prima dell’inizio dello sciopero e in queste ore. “Abbiamo registrato qualche coda, ma senza eccessivi disagi”, rassicura La Rocca.

    “Prima delle 19 di ieri è stata rilevata un’affluenza maggiore rispetto alla media ma senza disagi – gli fa eco Panico – come accade in queste situazioni, per alcuni è scattata una sorta di psicosi, per il rischio di restare senza carburante per due giorni, ma nulla di eccezionale”.

    Iscriviti alla Newsletter

    Ogni mattina le ultime notizie nella tua posta elettronica

    "'Putroppo l'aborto e' un diritto', si' ma non l'ho detto io, l'ha detto un ministro. A volte anch'io sparo cazzate ai quattro venti ma non lo faccio a spese dei contribuenti". Cosi' Fedez nel brano cantato a Sanremo sembra fare riferimento alle dichiarazioni del ministro delle Pari opportunita' Eugenia Roccella. "Se va a Sanremo Rosa Chemical scoppia la lite, forse è meglio il viceministro vestito da Hitler, purtroppo l'aborto è un diritto ma non l'ho detto io l'ha detto un ministro (Eugenia Roccella, ndr)". Faranno discutere le parole del brano di Fedez, ospite dalla Costa Smeralda al Festival di Sanremo, che al...
    Notte di paura e di terremoto a Siena, dopo che una scossa di 3.5 ha fatto tremare tutta la provincia alle 9.51 di ieri sera. Secondo l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, l'epicentro è stato registrato a una profondità di 8 chilometri. Sono seguite alle scosse: una alle 22.08 di magnitudo 2.7, un'altra alle 22.36 di magnitudo 2.6 e una alle 22.54 di magnitudo 2.7. Ma dopo la prima forte scossa ne sono seguite oltre 30 con magnitudo fino a 2.7. Come riferisce il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, i vigili del fuoco i tecnici hanno verificato una ventina di...

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche