Parrucchiera uccisa a Pontecagnano: caccia all’ex fidanzato

SULLO STESSO ARGOMENTO

Parrucchiera uccisa a Pontecagnano: caccia all’ex fidanzato. Emergono alcuni dettagli sulle ultime ore di Anna Borsa

Emergono alcuni dettagli sulle ultime ore di Anna Borsa, la trentenne di Pontecagnano Faiano uccisa dall’ex fidanzato all’interno del negozio di parrucchiere dove lavorava, in via Tevere.

L’uomo sarebbe entrato nel negozio e avrebbe sparato alla giovane senza lasciarle via di scampo. Questa mattina la donna non voleva andare a lavorare. Una fonte vicino alla ragazza ha raccontato all’Ansa che stamane “Anna aveva paura, era pensierosa” e aveva detto che “voleva andare via da Salerno”.

    Con l’ex fidanzato, A. E., si erano lasciati, dopo una lunga relazione, da circa otto mesi. Lui, da quanto si apprende, continuava ad avvicinarsi al negozio dove lei svolgeva l’attività di parrucchiera. Non è chiaro, al momento, se ci fossero stati già degli episodi di violenza che avrebbero potuto far presagire quanto accaduto oggi.

    Il medico legale Marina D’Aniello, ha cominciato l’esame esterno del corpo della giovane donna, mentre aul luogo del delitto sono arrrivati genitori e amici di Anna Borsa.

    Lo strazio e le lacrime dei parenti sono un copione purtroppo visto già in molte occasioni dall’inizio dell’anno.

    “Io gli ho detto ‘Alfredo, esci fuori’ – racconta ai cronisti una testimone dell’omicidio, che lavorava con la vittima – ma lui mi ha risposto ‘Le devo dire una sola cosa’. Era vestito tutto di nero, tuta, giubbino e scarpe, e aveva un trolley. Io avevo paura e anche Anna aveva paura. Anche lei gli ha detto ‘Esci fuori, vengo io fuori’. Era venuto già due o tre volte nelle scorse settimane, ma era sempre stato calmo, non come stamattina”.

    Parlava calmo senza fare questioni allora – prosegue la donna – ma Anna aveva paura, viveva con la paura gia’ da mesi, da luglio. Lui non aveva mai accettato la separazione, era convinto che Anna fosse solo sua. In passato lo abbiamo cacciato fuori, ma oggi c’erano clienti”. Il ferito, secondo quanto lei riferisce, è Alessandro Caccavale, ora in ospedale, e la testimone precisa: “Era solo un amico. Si era trovato a passare per un saluto“.

    “Abbiamo appena appreso di una notizia che sconvolge la nostra comunità. Una giovane ragazza ha perso la vita a causa di un tragico omicidio. La città intera di Pontecagnano Faiano si stringe intorno alla famiglia. Pontecagnano Faiano si prepara ad osservare il lutto cittadino annullando ogni evento in programma”. Lo scrive su Facebook il sindaco di Pontecagnano Faiano, Giuseppe Lanzara, in merito all’omicidio di una donna di 30 anni per il quale sono in corso le ricerche dell’ex compagno.

    Tanti sindaci ed esponenti politici, in queste ore, stanno condannando l’episodio di femminicidio che ha sconvolto il Salernitano con la morte della giovane Anna Borsa.

    Tanti anche i sindaci che, assieme a Giuseppe Lanzara (primo cittadino di Pontecagnano Faiano), hanno voluto testimoniare la propria vicinanza alla famiglia della giovane donna. Tra questi il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli e il sindaco di San Cipriano Picentino, Sonia Alfano, che esprimono sconcerto, rammarico e dolore per questa giovane vita spezzata dalla ferocia di un uomo.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    ‘Madame Camorra’ di Giovanni Terzi: presentazione del libro a Salerno

    Il 24 febbraio, alle ore 17:30, presso il Salone Genovesi della Camera di Commercio di Salerno in via Roma, 29, si terrà la presentazione...

    Sparatoria Milano: ai domiciliari il trapper Shiva

    Decisione del gip, indagato anche per rissa a San Benedetto

    Voragine a Napoli: Manfredi e Cosenza puntano il dito sulla mancata manutenzione

    "Il sistema fognario non è stato oggetto di manutenzione per moltissimi anni e questi eventi sono anche la conseguenza di questo". Il sindaco di Napoli,...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE